I COLORI..."PENSIERI DELLA MIA MENTE" E LE MIE POESIE..."LA MELODIA DEL MIO CUORE"

In questo mio spazio desidero condividere le mie opere pittoriche, le mie poesie, foto, viaggi, ricette, letture...insomma tutto ciò che ho desiderio di condividere con Voi.

30 maggio 2009

PERSONALE " FRAMMENTI D'ARTE - II TAPPA"




E' PER ME UN VERO PIACERE INVITARVI

ALLA MIA PROSSIMA MOSTRA PERSONALE
"FRAMMENTI D'ARTE"
II tappa
che si terrà nella bellissima

hall dell'OSPEDALE MANZONI DI LECCO.

GRAZIE
----
RASSEGNA STAMPA :
cosi' scrive oggi Leccoprovincia.it
Mostra di Carla Colombo all'Ospedale Manzoni
Giovedì 28 Maggio 2009 13:04 Ospedale Manzoni Lecco

Mostra al Manzoni della pittrice Carla Colombo. L’esposizione dell’artista di Imbersago, presso la hall dell’Ospedale di via dell’Eremo, è in programma dal 4 al 18 giugno. Raccoglie opere che raffigurano immagini della Brianza, le cui caratteristiche principali sono i colori luminosi, densi di spatolate corpose, pigmentazioni calde ed accoglienti, ma anche quadri di un nuovo percorso artistico, quello informale, nelle quali Carla Colombo sconfina in nuove composizioni che trascinano armoniche sensazioni.Critici ed appassionati d’arte, periodici ed antologie d’arte hanno parlato di lei e delle sue opere. La si descrive “artista dotata di talento naturale, che non appartiene a nessuna corrente artistica o avanguardia”. La sua pittura – spiegano - è “solare, luminosa, fatta di colori puliti, pulsanti dove la luce diventa protagonista delle tele rompendo le ombre dei sentieri e squarciando le nuvole dei paesaggi brianzoli ed esaltandone i particolari”. Molte sono le personali tenute da Carla Colombo in questi ultimi anni, senza dimenticare le numerose collettive con altri artisti nazionali ed internazionali.

29 maggio 2009

...ma pensa te!

Mi ritrovo spesso a riguardare le foto scattate durante i miei piccoli viaggi e soffermandomi su quella scattate durante il viaggio in Alsazia, mi è balzato questo simpatico scatto durante uno spettacolo al parco di Hunawhir.

La pura casualità, il momento ha fatto sì che i vari soggetti si unissero in una loro logica di insieme.

- Lo spettatore che sembra abbia il cappello appoggiato ,
- il cappello che pare nel becco dell'uccello (non ricordo il nome)
- l'uccello appoggiato alla testa dellla foca...

invece Vi assicuro che tutti e tre i soggetti erano ben divisi, l'uccello era sul bordo della vasca, dietro la foca, il cappello sulle ginocchia di uno spettatore.
Insomma ho trovato questo scatto davvero "curioso" e "simpatico"
Che ne dite?

Se lo avessi fatto apposta non ci sarei mai riuscita!

Una lettera speciale

si...è vero sono le solite "catene", ma credo che ci siano descritte situazioni e casi della vita veramente validi da te tenere in considerazione.
Ve la posto, così come l'ho ricevuta, e spero, al di là dell'invio ad altre persone, che Vi possa darVi momenti di riflessione.
--------------

Leggi lentamente… in silenzio!
Ciao, leggi per favore e non eliminare questa mail dalla tua casella di posta prima di 2 giorni!Leggi e vedrai… e saprai ciò che tutti pensano di te…
Ci sono almeno 5 persone in questo mondo che ti amano al punto di morire per te.
Ci sono almeno 15 persone che ti amano in un certo modo.
La sola ragione per la quale una persona ti odia, è perché vuole essere come te..
Un tuo sorriso fa gioire qualcuno che non ti ama.
Tutte le notti, qualcuno pensa a te prima di dormire.Rappresenti il mondo per qualcuno.
Se non fosse per te, qualcuno non potrebbe vivere.
Sei Speciale ed Unico e la persona di cui ignori l'esistenza ti ama.
Quando commetti la più grande sciocchezza, qualcosa di bene proviene da questa.
Quando pensi che il mondo ti volta le spalle, osserva bene:
Sei soprattutto tu che volti le spalle al mondo!!!
Quando pensi che tu non hai una possibilità quando non possiedi ciò che vuoi, probabilmente tu non lo avrai.
Se credi in te, probabilmente, presto o tardi, tu lo avrai.
Ricordati sempre dei complimenti che ricevi.
Dimentica le osservazioni cattive.
Dì sempre alla gente ciò che consideri a proposito di loro, ti sentirai meglio quando lo sapranno.
Nessuno merita le tue lacrime e i tuoi pianti, e colui che li merita veramente non ti farà mai piangere.
Se hai un migliore amico, prendi tempo per dirgli ciò rappresenta per te.
Invia questa lettera a tutte le persone che apprezzi, compresa chi te l'ha inviata.
Se lo farai, illuminerai il giorno di qualcuno e forse cambierai la sua prospettiva di vita al meglio.
Si dice che si prende un minuto per notare una persona speciale, un'ora per apprezzarla, un giorno per amarla, ma si ha in seguito bisogno di tutta una vita per dimenticarla.
Invia questo pensiero alle persone che tu non dimenticherai mai.
C'è un piccolo messaggio che permetterà loro di sapere che mai li dimenticherai.
Se non lo rinvii a nessuno significa che hai molta fretta e chehai dimenticato i tuoi amici.
Fermati un po'e prenditi il tempo di vivere!
Allora? Che aspetti?Inviala a tutte le persone che sono così importanti nella tua vita.
E sii certo che io non ti dimenticherò mai perché ti voglio bene per amicizia.
Non lasciare mai la persona che ami per quella che ti piace poiché quello che ti piace ti lascerà per la persona che ama..
Questa sera a mezzanotte il tuo vero amore si realizzerà.
Ti sfido a inviare questa mail ad almeno 15 persone in meno di 15 minuti.
Amichevolmente

Opere del mese di Maggio

Il mio tempo delle ninfee - 3 -
olio a spatola su tela
cm. 70 x 50
maggio 2009
e con questa credo di teminare il mio lavoro con i colori per il mese di Maggio.
Sarò impegnata nei prossimi giorni in diverse iniziative, e sarò inoltre ospite presso la hall dell'ospedale Manzoni di Lecco , con la mia nuova personale FRAMMENTI D'ARTE - II tappa.
Questa opera è tratta da uno scatto effettuato durante una gita al lago del Segrino

26 maggio 2009

aggiornamento sito fine maggio

Il mio sito

oggi è stato aggiornato con le ultime info inserite e tutto ciò che è in programma per il mese di giugno.

Visualizza in home page, tutte le novità nello spazio scorrevole, posto a destra della stessa home page
Grazie e buona visione.
ciaoooo

Poesia : GIALLO E ROSSO


Il sole nei miei girasoli
olio a spatola su tavola
dim. cm. 50x50 - anno 2007

-----------------
Nel caldo meriggio
di un giorno qualunque
ho colto un fiore.
Il più bello,
e di essenze
il più profumato
e…giallo.
Giallo luminoso
nato dal raggio di sole.

In segreto
lo voglio conservare
fra le pagine
di un libro d'amore
e che sfoglierò
quando scenderà la bruma
sulle silenti acque
del mio fiume.

I miei occhi stanchi
sfioriranno di nostalgia
per quel fiore.
Il più raro
e di colore
il più prezioso…e rosso.
Rosso fiammante
del frutto maturo
che non colsi.
---
Carla Colombo
giugno 2008
(Diploma di segnalazione al Concorso Nazionale FIORI D'INVERNO organizzato dall'Associazione Culturale "DOBRA' VODA" di Livorno) clicca - http://www.artecarla.it/poesie_premiate_.html

---
Il fuoco nei miei papaveri
olio a spatola su tavola
Cm.50x50 - anno 2007 _ collezione privata

----------------

regalo dell'artista fotografa Nina Grioli di Catania

25 maggio 2009

Manifestazione : FESTA DI LUCE E DI COLORE








E' un vero piacere che colgo l'invito della carissima Rosanna Perego che segue con tanta passione le iniziative dell'associazione CAMMINIAMO PER IL MONDO di pubblciare il nuovo stupendo o progetto FESTA DI LUCE E COLORE.

Il programma come potrete vedere è molto ricco e le occasioni per stare insieme non mancano certamente.

In questa nuova iniziativa è pure coinvolta la BOTTEGA DELL'ARTE, il cui direttore artistico è il mio amico GERRY SCACCABAROZZI.

La BOTTEGA DELL'ARTE avrà proprio da questo mese una nuova locazione presso un ampio spazio della sede MISSIONARI DELLA CONSOLATA DI BEVERA-CASTELLO BR.

In tutto questo contesto ci sarà pure una nuova collettiva di pittura con tantissimi artisti (me compresa) che daranno colore e luce ad un contesto veramente stupendo e pieno di serenità.

Inutile dire che l'invito è aperto a tutti!

24 maggio 2009

Percorso del Trenino Rosso del Bernina

Partenza stazione di Tirano. Per noi è riservato il treno panoramico, ampi vetri che ci permettono di osservare benissimo tutto ciò che il panorama ci offre.
Ci accompagna la guida locale : Dario...e tutto dunque diventa accogliente e culturalmente interessante.


Si incomincia a percorrere binari su arcate non indifferenti (si dice così?)

Dalla mia postazione riesco a fotografare la locomotiva...e pure mia sorella ,eheheh ,che imperterrita resiste nei riflessi del finestrino

Ponteschiavo, con le due chiede : la cattolica a sinistra, la protestante a destra.
Il lago di Miralago...che splendore di trasparenze...(qui ci vogliono gli acquerellisti!!!!)

Si attraversano pianura di un verde brillante macchiate da ranuncoli gialli. Sullo sfondo si intravede la neve del gruppo Bernina.


I vari paesini ci affiancano lungo il percorso. In alcuni angoli, quasi si tocca il muro se si allungasse la mano.

...ed il sole ci accompagna...abbagliando le foto...e non solo...

Si attraversano le pinete

Si incomincia a salire...e l'ultima neve dell'inverno bacia ancora i prati ad altezza abbastanza sostenuta.

Ecco che si sale ancora per arrivare al punto più alto del tragitto.
ALP GRUM... il punto massimo di altezza del tragitto

Lassu'...domina la valle.

La neve copre ancora tutta la zona

I laghi sono ancora ghiacciati


guardate questa baita...è praticamente sommersa dalla neve...e siamo a maggio!




...e dopo aver percorso circa 1 km. su rotaie affiancate dalla neve ancora alta...si scende in direzione Saint Moritz


si attraversano ancora pinete, cascate, campi fioriti e si giunge dopo circa tre ore alla stazione di Saint Moritz, dove altri treni rossi della ferrovia Retica aspettano altri passeggeri.
-----
Mi rendo conto che le immagini non sono perfettissime. Gli scatti li ho eseguiti col treno in corsa, ma penso di averVi dato un'idea di quanto possa essere indimenticabile questa visione...e chissà magari Vi ho dato uno spunto per poter inserire nel vs. calendario una gita col trenino rosso del Bernina..
..ma non finisce qui...alla prossima

23 maggio 2009

Gita : Il trenino rosso del Bernina

LA FERROVIA RETICA NEL PAESAGGIO DELL'ALBULA E DEL BERNINA E' PATRIMONIO MONDIALE DELL'UNESCO

Un treno che scala la montagna.


Molti lo chiamano il trenino più bello del mondo. Questo forse anche per il fatto che i binari di questo favoloso trenino rosso portano il turista a toccare quasi il cielo. Salire sul trenino del Bernina equivale ad entrare in un teatro ed il paesaggio che ci scorre davanti è il palcoscenico che offre uno spettacolo che muta con ritmo pigro. Non è solo la natura a farsi ammirare ma è anche la ferrovia stessa a dare spettacolo: locomotive e vagoni giocattolo, stazioncine che sembrano fatte a traforo, curve strettissime vi faranno allungare le mani per afferrare la coda del treno, viadotti e gallerie elicoidali con pendenze a tratti impressionanti. Indubbiamente anche il percorso contribuisce al fascino di questa linea: si leva dal fondovalle valtellinese ai boschi della Val Poschiavo, sino a salire tra i ghiacciai e le vette del Bernina per poi scendere nella sempre incantevole Engadina, sino a Pontresina e Saint Moritz.
Questo spettacolare ed indimenticabile percorso ferroviario inizia a Tirano, stazione terminale della linea FS proveniente da Milano. Il treno composto da moderne e confortevoli carrozze, lascia questa graziosa cittadina per iniziare un viaggio mozzafiato, sia in inverno che in estate, su pendenze del 70 per mille (senza cremagliera) sino ad un’altitudine di 2253 m s.l.m., una cosa unica in Europa.
Dopo pochi chilometri troviamo subito una meraviglia: il viadotto di Brusio, una rampa elicoidale all’aperto. Oltrepassata Poschiavo, capoluogo dell’omonima valle con le sue belle dimore patrizie, il viaggiatore raggiunge Alp Grùm, eccezionale punto panoramico.
Superato il valico a quota 2253 m s.l.m., presso Montebello si offre all’osservatore l’impressionante vista sul ghiacciaio del Monteratsch e sul gruppo del Bernina, coi suoi “quattromila” scintillanti di nevi eterne.
A Pontresina, rinomata stazione turistica e centro di sport invernali, si dirama la linea per Samaden – Coira, che consente al viaggiatore di raggiungere la Svizzera Centrale ed il Nord Europa. Pochi chilometri ancora attraverso il paesaggio incantato dell’Alta Engadina e si raggiunge St. Moritz.…e d’inverno…
La stagione invernale offre all’ospite qualcosa di ancora piu’ affascinante, una sensazione quasi magica.
Il trenino rosso scala un paesaggio da fiaba nel cuore delle Alpi ammantate di neve ed il vento che soffia e le montagne ghiacciate e abbaglianti fanno vivere un viaggio indimenticabile....Vi assicuro che ho provato queste emozioni. Uno splendido viaggio nel cuore di uno scenario indimenticabile)
(alla prossima puntata vi mostrerò alcune foto che ho scattato il giorno 7 maggio 2009, giornata di sole abbagliante che faceva contrasto con il bianco candido della neve...un abbaglio da vivere! e poi Saint Moritz...e poi la zona dei laghi...e poi....una sorpresa...(per me lo è stata) per gli amanti di grandi artisti. Seguitemi :-) - (datemi tempo per ridimensionare le foto).

22 maggio 2009

Vassoio


Chi mi conosce sa quanto mi piace il fai da te...(ricamo, cucito, uncinetto, giardinaggio, cucina, ecc ecc) ed allora è normale che mi lasci trasportare da svariate tecniche nella creazione di oggetti particolari. Mi sono applicata qualche tempo fa in creazioni di vassoi in stoffa e passamaneria varia.


Ecco qui il risultato :




Mario Piana - il pittore-poeta di emozioni acquerellate

Mi piace dedicare questo spazio di oggi ad un bravo acquerellista che ho ammirato praticamente da subito e mi risulta spontaneo, osservando i suoi lavori, esternare parole e pensieri come fossero note musicali su un rigo accogliente.

Così ho scritto di Mario, quale mese fa :
opera 1 - terre d'acqua - dim. 50x32
oepra 2 - attimi di assoluto- dim. 29x35


Mario Piana - il pittore-poeta di emozioni acquerellate



Tra tutte le tecniche pittoriche quella dell’acquerello è, a detta di molti maestri dell’arte, una delle più difficili e diventa quasi retorico affermare che il fascino dell’acquerello coglie sempre l’animo del fruitore, anche di quello più disattento, ed il mio n’è particolarmente attratto. Non riesco quindi a “passare oltre” davanti agli acquerelli di Mario Piana, mi diventa assolutamente spontaneo fermarmi, sembra che abbiano un richiamo su di me. Le sue opere trasudano d’anima, le sento raccoglitrici d’emozioni tanto che creano "pathos" naturale e spontaneo.L'intesa che si respira tra l'artista e la sua arte nel silenzio dell’osservare diventa complicità ed approvazione. Con tanta spontanea generosità Mario elargisce la magia dei suoi pigmenti senza restrizione. Baciati dall’acqua i colori diventano racconti, favole, ricordi, magistralmente stesi con pennellate sicure, decise e scorrevoli depositano sui fogli bianchi morbida atmosfera spiritualizzante che diventa colonna sonora di un racconto a lieto fine. Il foglio acquerellato si sfuma di color arcobaleno... il più luminoso…e si amalgama in una visione vellutata rendendo carezzevole il dolce insieme , i colori diventano note musicali di una melodia senza tempo e la poesia traspare dalle sfumature di una rappresentazione che si impregna di anima intrisa di tanta armonia. Emozioni a tutto tondo dunque, dove anima e tecnica si amalgamano e diventano un unisono per rendere l’opera “unica”. Mario usa il bianco del foglio e lo fa diventare luce e senza ripensamenti o titubanze lascia che il foglio sprigioni la sua qualità primordiale; il bianco, ed allora i contrasti diventano diretti, le sfumature diventano sofisticate, la morbidezza e la raffinatezza diventano naturali, un insieme di caratteristiche che fanno delle opere di Piana dei veri toccasana al bel vedere. Nei suoi acquerelli vengono rappresentati paesaggi di oggi e paesaggi della nostra infanzia; angoli che portano la nostra memoria a tempi andati; antichi casolari di vecchie rimembranze, angoli di campagne più o meno assolate, acque trasparenti e rilassanti, che portano la leggiadria, ma ciò che rende “amabili” queste sue opere è l’intrinseca pacatezza del suo “star bene con se stesso”,(lo si percepisce), mista alla volontà di voler trasmettere la sua personalità di artista che ama la sua arte e la fa sua, accarezzandola, meditandola, conservandola ma anche dando sempre una spinta per una nuova sperimentazione. La sua continua ricerca lo porta a sperimentare altre tecniche: nei suoi lavori possiamo ammirare opere eseguite a pastello, ad acrilico, tutte comunque con un minimo denominatore comune…opere colme di pathos con il coinvolgimento dell’anima. Il suo legame con la natura, con l’ambiente, rende l’artista sensibile ed attento alla tematica dell’ambiente, non è un caso che molti suoi acquerelli rappresentano paesaggi naturali a volte prive di costruzioni. Mario Piana è tutto questo…ma non solo…Mario Piana è pittore-poeta di favole colorate-acquerellate, testimone del momento che fissa sul foglio la visione, scandida però dalla SUA emozione...percepita, vissuta, subita o voluta.
Carla Colombo
29 gennaio
potete visitare la pagina a lui dedicata, oppure chiedere una recensione cliccando :
Visitate il BLOG DI MARIO PIANA:

21 maggio 2009

Opere del mese di Maggio

IL MIO TEMPO DELLE NINFEE
Opera unica ad olio - spatola su tela
cm. 60x40 - maggio 2009
----------
Lettura del dott. Romeo ARACRI
Bella ,limpida,luminosa composizione dove le ninfee sono fermate nell’attimo in cui catturano i raggi della luce .E se Monet le dissolveva con un tocco lieve quasi etereo per impressionare l’immagine nella sua mente ,Carla Colombo le deposita con tocchi leggeri,delicati quasi per vivificarle di emozione vera. Cosi scivolano nell’acqua come silenziose parole ..non dette, affievolite dal dolce e armonioso ricamo di tonalità che aprono spazi immensi in cui immergersi ed estraniarsi. L’immagine allora perde la sua consistenza e viene interiorizzata divenendo sublimazione intima su cui soffermare per un attimo lo scorrere del tempo.Forse semplicemente una pittura en plein air che ha il grande merito di recuperare tecnica,talento,sentimento….come solo chi ha la pittura nel cuore sa fare.
23-mag-2009
------------------
Per pura combinazione mi sono applicata alle ninfee e proprio in questo periodo ho saputo che è in programma una mostra di MONET proprio sulle ninfee.
Ho preso quindi in prestito il titolo di questa mostra (con la speranza che Monet non me ne voglia...eheheh)
---
A MILANO - PALAZZO REALE -
mostra dal titolo appunto IL TEMPO DELLE NINFEE di MONET
dal 30 aprile al 27 settembre.
----
...e visto che ci siamo, Vi posto il link
affinchè Vi sia possibile inserirla nel Vs. Calendario.
----
Nel 1890 Claude Monet acquista la casa e il giardino di Giverny, lungo la Senna, a nord di Parigi. Ha cinquant’anni ed è l’esponente più rappresentativo dell’Impressionismo, il padre del movimento a cui aveva dato anche il nome, chiamando “impressioni” i suoi primi quadri, e che aveva cambiato la storia dell’arte in Francia e in Europa.Quella dei giardini è una passione della prima ora, che Monet ha già vissuto a Vétheuil e poi ad Argenteuil. Giverny è finalmente il sogno di una vita, il suo vero grande progetto.Nella casa di Giverny Monet vivrà il resto della sua lunga vita, cercando senza sosta di realizzare quella che considera l’opera d’arte in assoluto più importante: il suo giardino. Accanto al giardino francese, con i fiori che ha piantato in un primo tempo, con fatica e tenacia e perfino con l’aiuto del presidente Clemenceau, costruirà un giardino acquatico e, in uno stagno, circondato da cotogni, felci, salici, rododendri e azalee, metterà a dimora le più diverse specie di ninfee: è il suo giardino giapponese, oggi il più visitato al mondo.Quegli anni, dall’ultimo decennio dell’Ottocento al 1926, saranno per Monet il tempo delle ninfee, lo stesso a cui è interamente dedicata la mostra allestita nelle sale nobili di Palazzo Reale a Milano.
----
Un mostra credo, da non perdere assolutamente.
----
ciaoooo a tutti.

20 maggio 2009

Poesia : L'INVERNO CHE VERRA'


L'ovattata atmosfera
d'inoltrato autunno
scolpisce di solchi profondi
l'albero della mia vita
e le foglie ramate
di caldi pigmenti
rispecchiano
l'andar della stagione
cullando carezze leggere
e sogni ormai sopiti.

-

Un caldo raggio di sole
improvvisamente,
lacera e divide
lo scenario del giorno
ed avvolge
nel cielo terso la nostalgia
del dorato autunno
e la lenta quiete
di una stagione
che presto arriverà .
----

Carla Colombo
4 novembre 2008
Foto e collage della mia amica fotografa Nina Grioli di Catania - Grazie Nina

Primavera in Alsazia - V° tappa

C O L M A R
Case a graticcio, chiese medioevali, canali pieni di fiori.
Sono solo alcune delle attrattive di Colmar, città alsaziana ai piedi del massiccio dei Vosgi, inglobata tra vigne e boschi dove spesso le cicogne si fermano a nidificare.
Originariamente Colmar era un territorio di proprietà di Carlo Magno, che qui allevava colombe. Col tempo e con l’arrivo di numerosi artigiani e operai, il villaggio si trasformò in un borgo che nel Medioevo si arricchì grazie al commercio del vino.
Un passato che sembra rivivere nel centro storico della città, dove le auto non possono entrare, dove le case a graticcio (quelle con le facciate di legno colorato e intonaco), i gerani, le antiche insegne creano un’atmosfera molto particolare.
Come accade per quasi tutte le città che hanno due o più canali, anche Colmar ha un quartiere che viene chiamato Piccola Venezia: in rue Turenne si può salire sulle piccole imbarcazioni a fondo piatto per ammirare la città vecchia da una particolare angolatura, navigando sulle calme acque che la attraversano.
Da vedere, oltre all’antico ospedale, al castello sull’acqua, alla vecchia dogana e ai tanti edifici antichi, anche la replica della Statua della Liberta costruita nel 2004, alta 12 metri e posta all’ingresso settentrionale della città.




























































































impossibile postare tutti gli angoli suggestivie e particolari.
E' indubbiamente da visitare con calma e con particolare animo.

...e se Vi viene voglia di pranzare in un ristorante super, raffinato...e costoso...eheheheh - Vi consiglio Le MARECHAL ....


il buonissimo dolce che ci è stato servito.