In questo mio spazio desidero condividere le mie opere pittoriche, le mie poesie, foto, viaggi, ricette, letture...insomma tutto ciò che ho desiderio di condividere con Voi.

21 giugno 2021

I miei volumi in biblioteca ad Imbersago

 Come avevo fatto per LA MELODIA DEL CUORE, ho consegnato altri miei volumi da protocollare e rientrare cos' nel circuito bibliotecario del comune di LECCO per la diffusione.   Lo farò anche per ...e la neve avvolge più avanti, poichè sono rimasta senza copie.









articoli sulla mia arte - prof. Silvano Valentini

 In collaborazione con la pittrice Olena Kudoley, il prof Silano Valentini elargisce sempre a noi, artisti della Brianza qualche bel articolo che ci onora sempre. Eccone alcuni 









3 giugno 2021

20 maggio 2021

Opera ad olio

 Ho partecipato alla collettiva fotopittorico di Arlate con questa opera, ispirata dalla fotografia dell'amico Giovanni Conti.

E' possibile fornire l'opera col pannello oppure senza.

DOPO LA VENDEMMIA, IL NETTARE DI-VINO - OLIO A SPATOLA SU TELA 50X70 CON PANNELLO 70X90 






8 maggio 2021

concorso collettiva fotopittorico Arlate/Calco

 Sto partecipando alla collettiva/concorso ad Arlate Calco. La mostra è visitabile sino a domenica prossima con le dovute precauzioni Covid-19.

Sono in coppia con l'amico fotografo Giovanni Conti, ispirata da un suo scatto fotpgrafico.

La mia opera: "dopo la vendemmia...nettare di-vino"olio su tela a spatola 50x70 + pannello legno olio a pennello 70x90.

















5 maggio 2021

Il Convivio, rassegna stampa

 


A seguito del riconoscimento "Diploma di Merito" al concorso internazionale "Il Convivio" la mia opera "Scende lentamente la neve" è ora sul periodo culturale Il Convivio, n. 84, edito dall'accademia stessa, sull'ultima di copertina.
Sempre un grosso grazie alla dott.ssa
Enza
Conti ed al prof.
Angelo Manitta
per tutto l'impegno che ripongono nell'arte tutta.

15 aprile 2021

Poesia, premio

 DIPLOMA DI MENZIONE DELLA GIURIA al Premio per la Pace e la Giustizia Sociale, Torino, è la sorpresa che mi è arrivata il giorno di Pasqua.

Mi accontento di poco 🙂
La poesia premiata ha il titolo "Volata via" ed è dedicata a tutte quelle donne che subiscono costrizioni e violenze fisiche e psicologiche per colpa dei tanti "B........" che ci sono in giro.
Tutte le poesie premiate sono raccolte nell'antologia che devo ancora ricevere.
Volata via
Di ruvida lana grigia
la coperta di nuvole
che cade dal cielo
annebbia il sole
stanco di brillare.
Hai stretto i pugni
e chiuso le braccia
per stringere forte a te
ogni soffio di aria
che profumava di lei,
del suo alito al sapore di menta.
Ingordo uomo
dal volto mascherato
nascosto tra le sagome
di figure nascoste
e mutilate del cuore
non ti sei accorto
di quanto stringevi forte.
Le facevi male,
mentre lei ti chiedeva
con voce sommessa
di lasciarla andare
libera nel sole.
Con i fiori a primavera
in un giorno di luce
…è volata via
ed ora brilla nel raggio
della sua libertà.
Dedicata a tutte le donne, che vivono costrizioni e violenza.
Carla Colombo
copyright .- www.artecarla.it


ANTOLOGIA DEL PREMIO CON INSERIMENTO POESIA



14 aprile 2021

...e la neve avvolge - rassegna stampa

 Un articolo sulla Testata del Giornale di Merate del 13 aprile 2021 - che parla del mio nuovo libro

...E LA NEVE AVVOLGE. 




opera ad olio

 Un nuovo dipinto:

ATTIMI DI SERENITA' (lungo il fiume Adda)

- olio a spatola su tela anni '70 - 40x60 - 2021







6 aprile 2021

opera ad olio, Madame

 Fuori dal mio solito, ma sempre e comunque mia.


MADAME...PEONIA, olio su tela, 70x70 - 2021 - copyright



Olio su tela, Peschi in fiore

Solitamente solo con il terzo dipinto esaurisco la "voglia" del soggetto, e così è stato anche nel caso degli alberi da frutto in fiore.

Dopo il prugno, ed i primi peschi, ecco un secondo pesco in fiore con, anche, dei ciliegi in fiore.

Opera: BENVENUTA PRIMAVERA 2 - I PESCHI SONO IN FIORE, olio a spatola su tela,
cm 40x60 - anno 2021 - www.artecarla.it copyright





5 aprile 2021

Fiori, acquerelli

Tre piccoli acquerelli d'effetto  immediati e spontanei, su cartoncino.

Dim. cm. 10x21 - anno 2021 - Esplosione...di fiori 










Riconoscimento poesia

 DIPLOMA DI MENZIONE DELLA GIURIA al Premio per la Pace e la Solidarietà, Torino, è la sorpresa che mi è arrivata il giorno di Pasqua.

Mi accontento di poco 🙂
La poesia premiata ha il titolo "Volata via" ed è dedicata a tutte quelle donne che subiscono costrizioni e violenze fisiche e psicologiche per colpa dei tanti "B........" che ci sono in giro.
Tutte le poesie premiata sono raccolte nell'antologia che devo ancora ricevere.
Volata via
Di ruvida lana grigia
la coperta di nuvole
che cade dal cielo
annebbia il sole
stanco di brillare.
Hai stretto i pugni
e chiuso le braccia
per stringere forte a te
ogni soffio di aria
che profumava di lei,
del suo alito al sapore di menta.
Ingordo uomo
dal volto mascherato
nascosto tra le sagome
di figure nascoste
e mutilate del cuore
non ti sei accorto
di quanto stringevi forte.
Le facevi male,
mentre lei ti chiedeva
con voce sommessa
di lasciarla andare
libera nel sole.
Con i fiori a primavera
in un giorno di luce
…è volata via
ed ora brilla nel raggio
della sua libertà.
Dedicata a tutte le donne, che vivono costrizioni e violenza.
Carla Colombo
copyright .- www.artecarla.it
Potrebbe essere un'immagine raffigurante testo
Mi piace
Commenta
Condividi

31 marzo 2021

olio su tela, Primavera, Peschi in fiore

 Un inno alla primavera e nelle sue manifestazioni floreali 

BENVENUTA PRIMAVERA, I PESCHI in fiore 

olio su tela, 40x50 - spatola , marzo 2021 





Targa ALFIERE DELL'ARTE E DELLA POESIA

 Sono onorata di ricevere dalla prestigiosa ACCADEMIA DEI BRONZI 

LA TARGA DI ALFIERE DELL'ARTE E DELLA POESIA.

In attesa di ricevere la targa pubblico ciò che gentilmente mi è stata rilasciato dall'Accademia che ringrazio tantissimo.








29 marzo 2021

Mostre collettive online

 A cura de "ARTE IN BOTTEGA" - prof. critico d'arte e giornalista Silvano Valentini e la pittrice artista Olena Kudoley, ancora due mostre collettive online di noi artisti brianzoli che raffigurano, in questo caso, la nostra Adda ed il Laghet di Sartirana e successivamente il Parco del Curone ed il parco Regionale di Montevecchia 

Ringrazio moltissimo il prof. Valentini e l'amica Olena.





28 marzo 2021

All'ombra delle favole di Mario Aliprandi

Ho già avuto modo di scrivere del mio amico poeta, scrittore, fotografo,  

MARIO ALIPRANDI 

sul blog che ho dedicato ad artisti vari  la cui pagina la riporto:

https://lavostraarte.blogspot.com/search/label/Mario%20Aliprandi

ed in altre occasioni avendo Mario partecipato praticamente da sempre alle mie iniziative artistiche.

In questa occasione lo troviamo come scrittore all'uscita del suo terzo romanzo che si intitola "All'ombra delle favole" .
La trama si sviluppa intorno alla figura di Cris, considerata dalla voce narrante la "donna per eccellenza" e descritta con dettagli accurati negli atteggiamenti e nei gesti che la rendono tanto speciale.


Mi onoro di aver predisposto per il volume, ma soprattutto per l'amico Mario, la Prefazione che Vi riporto, affinché possiate entrare, in punta di piedi, come ho fatto io, tra le pagine del romanzo.

PREFAZIONE

Mario Aliprandi autore è una continua sorpresa poiché la sua forza creativa letteraria mi entusiasma sempre e di solito non manco mai di leggere, con spasmodica curiosità, ciò che stila sulle pagine delle pubblicazioni.

Non sono invece sorpresa delle sue chiare esternazioni di emozioni e sentimenti, ma mi sorprendo sempre di come riesca a farmi sorgere tutte le volte la domanda se ciò che scrive è autobiografico oppure solo frutto di fantasia, di immedesimazione o solo di racconto immaginario. Non me lo dirà mai e non lo saprò mai…e sorrido!

La colpa, se così si può dire, è sua, poiché scrive sempre in prima persona per cui credo sia normale che il lettore si ponga la domanda.

Mario non disdegna nulla di ciò che è rapporto umano, con il genere femminile in particolare lo fa sempre con la delicatezza che gli è congeniale, sfuggendo sterili tecnicismi oggi tanto di moda, ma che spesso falsano l’autenticità del sentimento stesso.

L’efficacia delle sue prose forti ed intense manifestano una perfetta simbiosi tra l’animo sensibile che le genera, e la mano che le scrive che non è mai prigioniera di schemi precisi, di retoriche, di compiacenze, ma di pura libertà espressiva.

Il linguaggio sempre elegante, si sviluppa in parole leggiadre, libere, spesso colme di sensualità, mai volgari, parole che tante donne vorrebbero sentirsi dire dall’uomo amato.  

Mi torna in mentre la classica frase “la donna non si sfiora neppure con un fiore”, ecco, penso che Mario Aliprandi abbia fatto sua questa “semplice frase” che raccoglie tanto sul comportamento da tenere da un uomo verso la donna.

Se è poi vero che ogni autore vuole trasmettere e suscitare emozioni nel lettore, è anche vero, che ognuno di noi percepisce in modo diverso ciò che legge e le vive quindi secondo il proprio sentire.

Cerco di non lasciarmi influenzare dunque dal valido legame amicale che ci unisce per lasciarmi andare a considerazioni che esulano appunto dal nostro rapporto e di entrare completamente nello scritto.   

Cris, la protagonista insieme all’autore, è considerata la donna per eccellenza. Viene descritta con minuziosità di particolari; bellissima ed intrigante, dolce e sensuale, allegra e decisa, sembra fuoriuscita da quelle pagine dei periodici di bellezza che spesso ci vengono propinati, ma Cris è ancora meglio, perché ha Il sole dentro, veste di giallo e tutto ciò che l’accompagna è giallo, come il sole d’estate, come il colore della spensieratezza e del calore umano.

L’autore si sofferma sui gesti che spesso le donne compiono, come stendere sul letto i vari vestiti per scegliere poi quello adatto per un appuntamento importante, come raccogliersi i capelli con un nastro di velluto, togliere la camicetta con legacci, insomma, l’autore non elemosina in descrittive che mi portano nel mondo femminile, come se vedessi con i miei occhi le azioni di vita quotidiana.

Trovo molto valida e di attualità le perplessità che l’autore si pone sulla differenza di età, il peso dei pregiudizi dei genitori della ragazza, la responsabilità stessa del protagonista di avere al fianco una donna molto più giovane, ma poi, forte di un sentimento puro, tutto viene superato…nessuna età può scalfire la legge del cuore.

Il protagonista trova nella sua Cris l’amore desiderato e non rivanga più gli amari ricordi delle stagioni passate, si fanno ormai strada nuovi orizzonti, dolci pensieri e teneri bozzetti colorati di un nuovo mosaico di vita ed allora ecco la scelta di un anello con pietre particolari su un disegno personalizzato, dimostrando come l’accuratezza dei particolari sia sinonimo di attenzione verso la persona amata. Il protagonista non sceglie una pietra a caso, non sceglie un gioiello già pronto, ma lo progetta, lo crea appositamente per lei, solo per lei, ecco perché non può essere per nessun’altra donna, solo lei, solo Cris, lo può infilare al dito.

Il viaggio a Parigi è la panacea degli amori ma troppo limitativo per una donna come Cris, non ci può essere solo quella…forse banale sorpresa, infatti, ne resta un po’ delusa e non sa che una sorpresa immensa l’aspetta, legata purtroppo ad un destino crudele.

Un crudele destino per una donna così eccezionale, desiderata, voluta, amata.

“La vita sceglie la musica, noi scegliamo come ballarla” [1]

Ecco che l’autore con un abile “colpo di tastiera” cambia scenografia e ci immerge nel periodo tremendo della pandemia (ancora in corso ahimè) del Covid-19 che ha colpito tutto il mondo, in Italia, in particolare noi della Lombardia.

In una prosa che parla soprattutto di amore, riuscire ad “infilare” una pagina di storia vissuta e dolorosa, senza che ne scalfisca la leggerezza del testo, non è poca cosa.

Non entro nei particolari descrittivi della pandemia, poiché l’autore sviluppa egregiamente il dramma che probabilmente sarà letto anche nella futura storia del nostro Paese. Lo fa con minuziosità di particolari ed addirittura dando una sua personale posizione sulla cura, o meglio, sulla scelta della cura degli ammalati.

Nella storia l’autore riesce a collocare anche la scenografia descrittiva di un luogo a lui caro, l’Engadina, della quale troviamo sempre tratti nelle sue pubblicazioni. Scopriamo così, ancora una volta, un luogo sempre diverso nelle sfumature dei suoi laghi, dei suoi monti, dei suoi sentieri che egli ama particolarmente e che fa amar a tutti noi.

Anche questa volta Mario Aliprandi racconta una storia avvolgente che personalmente ho divorato, cercando di arrivare alla fine il più presto possibile. Mi sono avvolta nella curiosità del finale non riuscendo ad accettare un destino così crudele, dovevo per forza trovare qualcosa di positivo, di speranza.

Mario Aliprandi lo regala questo finale da cultore delle tradizione del sud, della duttilità della fantasia, della suspense del surrealismo, della favola bella che vuole sempre un lieto fine…lui lo fa, regalando un’immagine che ci sorride e che dà speranza ad un “aldilà” che “forse” esiste per davvero, e che bello sarebbe se avessimo davvero dei messaggeri di speranza e di mancate missive!

 “Lo spaventò il sospetto tardivo che è la vita, più che la morte, a non avere limiti”.[2]

Sembra che l’autore, con la chiusa positiva, voglia accompagnarci per mano sul sentiero della speranza, del dialogo con i nostri cari. Il filo invisibile che ci ha unito in vita non si può recidere con la morte, anzi, viene rafforzato col tempo e con la fermezza che loro sono con noi, per sempre.

Carla Colombo

 


[1] John Galsworthy

[2] Gabriel Garcia Marquez. “L’Amore ai tempi del Colera”


La stampa locale sta scrivendo sul romanzo e su Mario Aliprandi dove potete anche trovare i riferimenti per l'eventuale acquisto.

Vi posto qui il link della testata Leccoonline.

https://www.leccoonline.com/articolo.php?idd=59626&origine=1&t=Olginate%3A%202%26deg%3B%20romanzo%20per%20Mario%20Aliprandi%2C%20storia%20d%27amore%20in%20%27%27All%27ombra%20delle%20favole%27%27&fbclid=IwAR3vAozMvh4MyBVS92w-vh9JbfmoQHBmFzBWVRMDY2D8Birx69QYtoNiouo