29 aprile 2020

#recensioni

Presso il Museo dello Smalto di Ponte San Pietro Bg, sono esposte due mie opere per una collettiva dedicata a noi donne, che per ragioni Covid 19 è stata sospesa, ma la bravissima storica e critica dell'arte dott.ssa Chiara Medolago, si è prodigata tantissimo per dedicare a tutti noi un video regalando una sua lettura alle opere esposte.

Ecco cosa scrive dott.ssa Chiara Medolago
-----
L’artista Carla Colombo in occasione della mostra “Lo smalto delle donne” presso il Museo dello smalto di Ponte San Pietro (BG) espone due opere:
Non temere ci sono io e La dea greca e il suo mare.


NON TEMERE CI SONO IO (olio a spatola su tela) 70x50
Nel primo quadro due donne dai tratti orientali dal capo coperto si stringono in un abbraccio disperato e struggente. In questo gesto solidale si percepisce tutta la partecipazione emotiva dell’artista e di noi spettatori dell’opera, che ci sentiamo chiamati ad un coinvolgimento forte, doveroso e sentimentale, dal quale, però, è difficile sottrarsi.




LA DEA GRECA ED IL SUO MARE (olio su tela) 60x80
In La dea greca e il suo mare viene raffigurata una donna dal fisico atletico e perfetto, girata su un fianco e di schiena, in riva al mare. Ecco davanti a noi si manifesta la contemplazione di una visione divina. L’artista Carla Colombo in modo non convenzionale e in chiave moderna ritrae la dea Afrodite, appena nata dalla schiuma del mare in prossimità dell’isola di Citera.
Sulla spiaggia la giovane si abbronza, osservando le onde del mare, e intanto con mite calma si prepara per mostrarsi a noi ancora più bella.



Chiara Medolago
storica e critica d’arte

28 aprile 2020

#artecarla #silloge #poesia #frammentiemozionali

Una breve presentazione della nuova silloge a più mani a più cuori

FRAMMENTI EMOZIONALI - II EDIZIONE. 

Causa Corona virus, purtroppo i tempi si sono allungati, ma il risultato secondo me è validissimo.



26 aprile 2020

#artecarla #mandala

Una nuova esperienza pittorica, un altro tentativo di rilassamento in questo periodo di Coronavirus ch esige innanzitutto tanta calma e serenità, nonostante tutto.

Si può fare di meglio, ma questi sono i primi tentativi e quindi unici!

Il mandala è un simbolo spirituale e rituale che rappresenta l’universo. Non solo una forma d’arte, i mandala sono usati in numerose tradizioni spirituali, ma soprattutto nell’Induismo e nel Buddismo, per focalizzare l’attenzione, per definire uno spazio sacro e per aiutare la meditazione. Nella tradizione buddista i mandala vengono disegnati con sabbie colorate e poi distrutti, a simboleggiare l’impermanenza del mondo materiale.
Oggi il termine mandala è molto conosciuto anche in Occidente ed è entrato nell’uso comune per indicare motivi geometrici, diagrammi e disegni circolari che rappresentano simbolicamente un microcosmo dell’universo, usati in vari ambiti (dalle pratiche spirituali alla psicologia) per ritrovare calma, equilibrio e pace e, in ultimo, aumentare la consapevolezza di sé.



MANDALA ESEGUITI CON COLORI ACRILICI 




Mandala 1 e 2 - cm. 20x20 su tela




Mandala 3 e 4 - 10x10 su legno nultistrato 




25 aprile 2020

#artecarla #fiori #pittura #opera


Per chi non lo sapesse, lavorare con l'acrilico è molto diverso rispetto alla tecnica ad olio. L'acrilico asciuga subito, per cui urge la necessità di essere diretta, spontanea, l'approccio alla tela è immediato (almeno così faccio io), come in questo dipinto. L'olio esige tempi di asciugatura, difficilmente si può terminare in una sola seduta, a meno che, si lavora di impatto ed allora la pittura diventa immediata.
Comunque necessita sempre tempi di asciugatura, per cui le luci richiedono un altro passaggio e magari più di uno.
Principalmente lavoro con l'olio, ma oggi mi andava così. Dipinto fresco, immediato, colorato, positivo.
Cosa è meglio? I colori ad olio costano di più, richiede più attenzioni, ma un bel lavoro, vale sempre e comunque, sia con l'olio che con l'acrilico.






OPERA: E' TEMPO DI "RESPIRO" - acrilico a spatola su tela - 40x30 - anno 2020 - copyright - www.artecarla.it

22 aprile 2020

#Karolunuomodiventatopapa, #papagiovannipaoloII

E' ormai risaputo il mio interesse per le biografie in generale, ed ieri sera non mi sono persa la prima puntata su Canale5 della fiction: "Karol, un uomo diventato Papa", dedicata alla vita di Papa Giovanni Paolo II
Protagonista è l'attore Piotr Adamczyk che interpreta magistralmente Karol Wojtyla dalla giovinezza fino all'elezione a sommo pontefice. Mi sono commossa, mi sono entusiasmata, mi sono accoccolata nelle sue frasi piene d'amore e di speranza. Secondo me un capolavoro ancora una volta che ci porta tutti noi a riflessioni di vita. Non so se la fiction è romanzata per esigenze cinematografiche, ma anche se così fosse, ora è ben capibile, anche se non aveva bisogno della fiction, comprendere il perché rientra fra i Santo di oggi.
Martedì prossima ci sarà la seconda puntata e naturalmente non la posso perdere.
Da Internet:
La fiction affronta le varie stagioni della vita di WoJtyla, seconda guerra mondiale. E' stato testimone nella seconda guerra mondiale della feroce repressione antislava e antisemita attuata dal governatore generale della Polonia occupata Contrario a seguire i suoi amici nella lotta armata clandestina, Karol si impegna attraverso il teatro a difendere la cultura e i valori etici ai quali crede. Il suo esempio è don Tomasz Zaleski (nella realtà Maximilian Kolbe), amico d'infanzia e adesso coraggioso uomo di Chiesa, che finirà giustiziato dai nazisti insieme a un soldato pentito, mentre il padre di Karol, da tempo vedovo, si ammala e muore. Questa, e tante altre morti di giovani innocenti, come alcuni suoi amici ebrei, spingeranno Karol ad entrare in seminario dopo una profonda crisi spirituale, dovuta a un incidente contro una camionetta tedesca: verrà ordinato sacerdote alla fine della guerra.


20 aprile 2020

#Adda #addarella #artecarla - Navigazione con Addarella sul fiume Adda di Carla Colombo 0001

ALCUNE mie foto, raggruppate in video

 

#artecarla #olio #paiting #pittura #paesaggio

..ed oggi, dopo aver sperimentato qualcosa di nuovo, una nuova tecnica, buttandoci dentro quattro opere piene, che però non mi ha soddisfatta, (tempo sprecato), ho terminato questa nuova tela, un po' sognante, senza abbandonare per il mio fiume.



Opera: Poesia leggera io la canto insieme a te (M: Bella) - olio a spatola su tela , cm, 40x30 - anno 2020 . copyright. www.artecarla.it
Come potete vedere ho utilizzato solo due colori, ma la mia tavolozza è sempre, sempre colma di emoziono.




16 aprile 2020

#riciclo #fiocco #estate #fioccoestivo


MATERIALE DI RICICLO- made in Carla : 

FIOCCO PORTA ESTIVO 

- Cuore recuperato da una vecchia confezione regalo, 
- nastri vari idem, 
- conchiglie dalla mia raccolta, 

e colla con fantasia..il tutto a costo zero


E dopo il fiocco primaverile-pasquale, sono pronta (si fa per dire, visto il periodo corona) per l'estate. 




r

15 aprile 2020

L'intervista del Giorno-Storie che Ispirano #artecarla #intervista

INTERVISTA DI VANESSA HEREDIA

Un grosso regalo oggi, nel giorno della giornata mondiale dell'Arte . Unesco. 
Vanessa Heredia HB mi ha regalato un' intervista telefonica, che col cuore dedica a tutti coloro che amano manifestarsi con passione e autenticità. 
Non pensavo di parlare così tanto, ma con Vanessa mi è stato facile. 
Se volete ascoltare...accomodateVi pure. 

ciaooooo e grazie 
p.s. se lascerete un commento ed un Vostro Mi piace anche su you tube, sarà ovviamente più che gradito.


 



#artecarla #paesaggio #operaadolio #paesaggio #landscape



E' normale trovare barche solitarie lungo l'Adda, che invogliano a lasciarsi cullare dalle quiete acque del fiume (tratto da una mia foto)


Opera: in acque cullanti...sogno - olio a spatola su tela, 50x70 (riveduta e rivalutata  ) - copyright - www.artecarla.it


14 aprile 2020

#aiapa #wordartday #giornatamondialedellarte


15 aprile 2020 - 

PER CELEBRARE Il World Art Day è la Giornata Mondiale dell'Arte ideata nel 2012 dalla organizzazione internazionale IAA/AIAP di cui è il Comitato Nazionale Italiano; ratificata e riconosciuta da UNESCO.
Ogni anno si organizzano migliaia di eventi in tutti il mondo sotto l'egida del World Art Day. Quest'anno si fa standocene a casa pubblicando il logo della Giornata per Diffondere l'Arte e la Cultura.
In questo difficile momento anche l'Arte e la Cultura sono strumenti indispensabili al benessere dell'umanità.



13 aprile 2020

#operadolio #fiordalisi #fiori

Nuova...si vede che mi manca la campagna vero?!

BUONA PASQUETTA A TUTTI CON QUESTO DIPINTO.




titolo: "Furono baci e furono sorrisi, poi furono soltanto fiordalisi" - F: De' André - olio a spatola su tela puro cotone - 50x40 - aprile 2020- copyright - www.artecarla.it

#ilpapabuono #giovanniXXIII #film

Non è da molto (meglio tardi che mai) che ho scoperto il mio interesse per le biografie di grandi personaggi, ne sono piacevolmente coinvolta. Più che i dati biografici ed il curriculum, mi affascina soprattutto la vita privata, i fatti gli aneddoti. L'altro giorno ho seguito alla tivu' il film sulla regina d'Inghilterra Vittoria e consorte Albert (un tratto dell'inizio del loro fidanzamento e poi matrimonio, che poi mi ha invogliata ad andarmi a documentare su ciò che è stata la loro vita, della presa del ruolo da parte del consorte Albert, dei loro nove figli: Vittoria, era sempre incinta per cui demandava al marito, del quale aveva estrema fiducia, tante decisioni importanti e quando non le demandava, lui se le prendeva, ecc ecc), una bella storia di regno e d'amore, anche se si afferma su Wikipedia, che la più innamorata era Vittoria. 

Ieri sera invece su canale 5 ho seguito il film "Il Papa Buono" con la regia di Ricky Tognazzi ed una splendida interpretazione dell'attore Bob Hoskins
 Probabilmente è stato trasmesso perché Giovanni XXIII era nativo di Sotto Il Monte un paese in provincia di Bergamo, che dista una ventina di chilometri da casa mia e che noi brianzoli e bergamaschi ben conosciamo. Anche ieri sera, ma ultimamente mi succede sempre di più, ho lasciato qualche lacrima ed anche ieri sera ho rivisto le campagne, i cascinali di allora, il vivere di quegli anni. Ricordo, come se fosse l'altro giorno, esattamente dove mi trovavo quel 3 giugno 1963 quando morì il Papa..e mi ricordo ancora la sensazione di dolore che provai, come se fosse morta una persona cara. Ero bimba, eppure ci sono immagini che ti restano dentro e che fanno parte di un tuo percorso naturale di vita. Noi eravamo e lo siamo tuttora affezionati al papa buono, e pur non sapendo allora di quanto lavoro importante avesse svolto, faceva parte del nostro cuore. Ieri ho avuto modo di approfondire meglio quale ruolo importante ha rivestito nella chiesa, nonostante fosse stato eletto come un papa di transizione. Interessante andare a leggerli su wikipedia. Splendide interpretazione da parte dei tanti attori italiani, tanti non più fra noi, splendidi i vari bimbi coinvolti, bellissimo ammirare i vari interni dei palazzi, ed un plauso a Tognazzi, per l'ottima regia. Un altro bel film italiano degno di essere annoverato nella cinematografia italiana. 



 Leggi "Il Papa buono in streaming" su Mediaset Play https://mediasetplay.mediaset.it/article/promo/il-papa-buono-in-streaming_b410986_a11469




12 aprile 2020

#operaadolio #paesaggio

Una nuova piccola opera eseguita ad olio spatola su tela


opera: Quando ti chiedo chi sei, olio a spatola su tela - 30x24 - anno 2020

copyright

www.artecarla.it 



11 aprile 2020

#film #lalberodeglizoccoli

Ieri sera su Rai tre hanno trasmesso il film di Ermanno Olmi "L'albero degli zoccoli", quale dedica alla città ed alla provincia di Bergamo. Un capolavoro da conservare tra i migliori film che avevo visto tanti anni fa, ma ieri sera mi ha colpita letteralmente al cuore in questo periodo di assoluta emergenza e mi ha riportata indietro nel tempo: Nella mia piccola frazione ancora quelle immagini sono impresse nei miei occhi e nel mio "dentro" , poiché vissute (L'uccisione del maiale - tremendo ora...allora era un gioco, le difficoltà se una mucca era ammalata, la roggia, i fossi, la palta/fango, la ringhiera, la stalla, il pollaio) Una palpabile ed alquanto difficoltosa realtà del vivere di allora ma tutto questo era alleggerito dai forti legami di aiuti, di condivisione, che si intrecciavano nelle povere case di cortile, come tante della campagna bergamasca, ma anche di altre province. Era normale offrire aiuto a chi era meno fortunato e non possedeva casa o terreni.





9 aprile 2020

#operaadolio #paesaggio #landascape



Ho ripreso con i colori ad olio, dopo qualche mese di pausa...dovuta a un non so ché di "pigrizia coloristica".
Ho ripresero con una piccola tela, monocromatica (si vede che i colori non sono ancora entrati in me)


"Raccontami quale musica hai ascoltato" - olio a spatola su tela - 30x24 - anno 2020 copyright - www.artecarla.it

7 aprile 2020

#fiori #coronavirus

Per oggi, ma anche per giorni a venire, mi accontento. 
Per me questo era tempo di raccolta dei nontiscordar di me e di "scurnaget"  , ma va bene così, deve andar bene, ci sono tanti ma tanti che stanno davvero male!
Al tempo del Coronavirus tutto diventa magnifico, anche semplici fiori grassi dal balcone 








foto di Carla Colombo



#poesia



Quando posto una mia opera e quando fa esplodere all'istante parole poetiche è, credo, una gran bella soddisfazione.
Vuol dire che il mio lavoro arriva a chi ne fa visione.
E' ciò che è successo ieri quando ho postato la mia datata opera (2007) e subito, l'amica poetessa Patrizia Acerboni è stata praticamente folgorata.
La sua poesia mi è giunta come un lieto buongiorno. Ringrazio dunque di cuore Patrizia e lascio a Voi la lettura della poesia con l'accompagnamento della mia opera "Il sentiero dell'anima": Grazie



3 aprile 2020

#acquarello #artecarla #fiore

Al tempo del coronavirsu, ahiè, tutto si può fare e tutto può servire per distoglierci da questo stato di ansia e di soffoco che le quattro mura di casa incutono.
Periodo dunque di "ogni attività può aiutare" e quindi riprendo l'acquarello



SOFFICE-MENTE - Acquarello su carta Fabriano, semiruvida, gr, 220 
33x48 - 2020 copyright 


#acquarelli #artecarla #paesaggi #landascape


Non avendo più a disposizione carta cotonata per acquarello che di solito uso, e quando la voglia prende lo stesso, mi sono inventata un nuovo esperimento che non mi dispiace per nulla.
Il risultato è soft e nel contempo grezzo poiché ci sono delle rilevanze ben evidenti sulla superficie che danno una carettestica secondo me, particolare . (forse non si vede l' effetto della carta usata in foto?)
dipinti:

- Ultimo spiraglio 1 e 2
acquarello su carta trattata, dim. cm. 48x21 e 48x10 (potrebbero essere accostati per fare un diddico. - 2020 copyright www.artecarla.it