22 luglio 2021

Rassegna stampa . Monza in diretta

 Un articolo su "Monza in diretta" grazie all'incessante lavoro del prof. Silvano Valentini, critico e storico dell'arte.


Ringrazio infinitamente Silvano e la pittrice Olena Kudoley

21 luglio 2021

Di tracce e solchi - Rosy Pozzi

Ho avuto l'onore ed il piacere di stilare la prefazione di questo volume che l'amica Rosy Pozzi ha pubblicato con la casa editrice  Etabeta ps,  

Nel volume sono raggruppate  tutte le emozioni che in dieci anni trascorsi per metà dell'anno in Kenya sono scaturite dall'animo e dal cuore di Rosy.

Emozioni dunque in poesia, in pittura ed in fotografia!

Non mi è stato difficile entrare nel Suo mondo che in fondo ammiro tanto ed allora lascio a Voi la lettura della recensione, senza prima dirVi che il volume è acquistabile presso la stessa Rosy e che il  ricavato, insieme al gemello nato in contemporanea.....sarà devoluto all'orfanotrofio qui sotto indicato.

E' possibile farne richiesta tramite messenger oppure in e-mail: rosypozzi@alice.it / a richiesta dedica.
Il ricavato delle vendite sarà da noi devoluto sul posto all'orfanotrofio ORPHANS's Dreams ONLUS in Kenya.

Un volume dunque solidale che aspetta di essere acquistato,  che entusiasmerà Voi non solo per la lettura ma anche per aver fatto un gesto solidale. 

DI TRACCE E SOLCHI 


Prefazione “DI TRACCE E SOLCHI” di Carla Colombo

(dedicata al titolo della silloge)

Ho tracciato dentro di me rughe profonde

Sopra il labbro la ragnatela dell’età

È sempre più fitta.

Grande regalo la voglia di esserci!

Con la  leggerezza della penombra 

La sera rivedo i solchi tracciati

Nei rivoli asciutti del ruscello

Che costeggiava il bosco

Incantato della mia gioventù.           

Carla Colombo, 15 maggio 2021

 ------

Mi è stato chiesto dalla stessa autrice, Rosy Pozzi, se le avessi fatto il favore di stilare la prefazione per questa sua silloge ma, non conoscendo nulla del suo tanto amato Kenya, ho avuto un attimo di esitazione ma poi ho deciso che mi sarei limitata a considerare in primis il  lavoro espressivo sviluppato fra le pagine.


Se  cercassimo su Wikipedia il significato di “mal d’Africa” cosa che io ho fatto e che mi è venuto pure spontaneo cercare pensando a Rosy ed a suo marito Angelo che tutti gli anni tornano in Kenya e lo fanno ormai da oltre dieci anni, la descrittiva è la seguente:

“Nel linguaggio comune, mal d'Africa si riferisce alla sensazione di nostalgia di chi ha visitato l'Africa e desidera tornarci”.

Si spiega così il desiderio sempre impellente che Rosy ed Angelo provano e che li spinge a tornare ogni anno con l’entusiasmo che sempre è costante, mai si affievolisce e che viene ritrovato e rinnovato sempre di più quando arrivano alla meta.

Il loro “mal di Kenya”  è palpabile ed il Kenya, di riscontro, li accoglie  sempre come fa una madre, “sempre a braccia aperte”.

Quando nel marzo 2020, ahimè, la pandemia imperversava, loro erano là, in Kenya e per alcuni mesi  hanno vissuto l’angoscia del difficile rientro in Italia, che hanno dovuto per ragioni di forza maggiore prolungare. Nonostante appunto il disagio misto a preoccupazione provato e vissuto, quest’anno sono ritornati con la voglia di fare sempre di più.

L’energia di Rosy Pozzi si è sviluppata in un nuovo progetto solidale che è la nascita di questa silloge dal titolo significativo ed evocativo: “Di tracce e solchi”.

 

La silloge propone una raccolta di immagini di dipinti e di scritti poetici della stessa Rosy, il tutto corredato da citazioni, riferimenti e notizie relative sempre al Kenya.

Non vorrei peccare di presunzione parlando del Kenya, non l’ho mai visitato e, solo per sentito dire, so che il paesaggio cambia continuamente a distanza di pochi chilometri, così come cambiano i colori, i profumi e gli animali.

Normale è vedere branchi di elefanti, zebre, giraffe, bufali, antilopi e gazzelle, ma come dicevo non ho la presunzione di sapere e mi limito a dire che non nascondo un po’ di sana invidia per queste loro (di Rosy ed Angelo) trasferte e non nascondo neppure che quando vedo postate su facebook immagini stupende dell’oceano, della spiaggia bianca baciata dal tramonto infuocato, dei colori dell’interno così puliti e vigorosi, la voglia di volare appunto in quelle zone mi prende, ma poi torno con i piedi per terra alla normalità che è quella del vivere quotidiano, che non sempre ti permette di fare ciò che vorresti.

La mia arte, come l’arte in generale, ha bisogno di nutrimento che solo le emozioni possono foraggiare e quindi cosa c’è di meglio del  visitare posti nuovi, conoscere culture diverse, assaporare ciò che il nuovo propone sempre?

Non a caso Rosy, ha fatto proprie tutte le sfaccettature che il Kenya offre ed in questo ultimo periodo non le è mancata la voglia di farsi coinvolgere dai colori, dalla pittura, mezzo espressivo per eccellenza per quanto riguarda la raffigurazione di scenografia naturale.

Ecco che allora i colori dello splendido paradiso terrestre vengono raccolti a piene mani, a pieno cuore e traslati su supporti occasionali o riciclati.

Non basta una tavola di legno ritrovata per caso, un ramo abbandonato sulla spiaggia ed adagiato in un vaso a “mo’ di scultura”, Rosy va alla ricerca di supporti naturali impensabili, come le gigantesche foglie di non so quale albero, ma sicuramente di uno immenso (considerando la dimensione della stessa foglia). Debitamente essicate le dipinge con l’emozione del momento, spesso ritraendo la sagoma della sua figura (riconoscibile dai capelli corti color della neve) avvolta in momenti di pace e serenità, baciata dalla luna o dal sole. Le foglie giganti vengo quindi impreziosite da colori che vibrano proprio come lo sono i colori del Kenya tanto accoglienti e solari, gli stessi colori riportati sulla bandiera adottata il 12 dicembre 1963 dal Kenya African Ntional Union che ha un significato ben preciso:

Il colore nero rappresenta il popolo, il rosso è il sangue versato durante la lotta per l'indipendenza ed il verde per il paesaggio del paese e la ricchezza naturale, l'interzato bianco è stato aggiunto in seguito per simboleggiare la pace e l'onestà. Lo scudo maasai tradizionale nero, rosso e bianco e due lance simboleggiano la difesa di tutte le cose sopra menzionate. Il colore nero simboleggia tutta la popolazione del Kenya, poiché il nero non è un colore ma l'assenza di colore o il completo assorbimento della luce visibile. Ciò significa che il nero indica tutto il popolo del Kenya e non necessariamente la comunità nera. Un significato che raccoglie tutto ciò che è l’essenza del Kenya.

 Figure di maasai dai vestiti sgargianti e con la lancia in mano,  mare e spiaggia al tramonto o all’alba e sagome di animali della savana sono i soggetti principali del suo pintare. 

Con i colori così riferenti dunque al Kenya, Rosy utilizza come supporto alla sua pittura anche la pietra ollare che, e qui è il contrasto, si tratta di un materiale scuro, naturale, che viene estratto in Val Chiavenna e Val Malenco, in Val d’Ossola, ed Engadina ed essendo Rosy di origini “montanare” ecco che unisce un materiale delle sue montagne valtellinesi con l’oceano indiano.

Con la tecnica dell’acrilico e della tempera nascono così numerose espressioni pittoriche che Rosy Pozzi mette a disposizione pro-Kenya, il cui ricavato lo devolverà per aiuti concreti alla popolazione dei villaggi dell’interno.

In un contesto così florido di emozioni nascono anche, e soprattutto  espressioni letterarie, che qui nella silloge possiamo leggere ed assaporare. Un dipinto ed uno scritto, uno scritto ed un dipinto, un rosario composto di granelli infiniti di stati d’animo di eterno coinvolgimento fra la terra ed il mare, tra il sole ed il cielo, ma soprattutto tra il cuore e l’anima.

Facile intuire gli stati d’animo qui raccolti, giorno dopo giorno, in un susseguirsi di ore forse tutte uguali ma tutte splendidamente uniche.

Centellinati sono i momenti con la bramosia di chi non vuol perdere neppure un istante di vita. Foglietto a portata di mano per buttare giù pensieri veloci che nascono, così, per incanto, che poi saranno rivisti, alla sera, con la penombra della luna sorniona. 

L’autrice nei suoi versi ha la capacità di farci percorrere le sue stesse strade di terra rossa, ammirare lo stesso cielo che ogni mattina vede, l’oceano davanti a sé che manifesta il carattere volubile del giorno, ci trasporta, ci accompagna e ci fa addentrare in una conoscenza che resterebbe solo nell’immaginario di ognuno di noi. Natura accompagnata da stati d’animo, da pensieri, da nostalgie e melanconie che vengono sfiorate con la leggerezza di un dire pacato ed intimo.

Si ha come l’impressione, leggendo le varie liriche, che Rosy Pozzi sia affamata di esternazione, di rendere e gridare al mondo intero quanto lei c’è, il bisogno di continue conferme e la voglia di farsi conoscere, come persona, ma soprattutto come donna dedita ad un progetto che è ormai ben radicato in lei.

Sono tante le poesie e gli scritti che Rosy Pozzi ha dedicato e dedica al suo Kenya e lo sono altrettanto quelle che raccontano di solidarietà, di intimità, di stati d’animo. In fondo per tutti noi il raccontarsi ha sempre bisogno di un “mezzo” o una “scusa”  per esternare - che può essere di qualsiasi forma artistica o passionale e che ognuno di noi sa trovare o ritrovare nel proprio animo.

Vorrei ora cogliere e fare miei alcuni versi che ho estrapolato qua e là dalle poesie:  

“Son nudi i piedi miei, come l’anima che si stringe a te” - una dolce lode colma di infinito amore che porge la propria nudità di essere ad una terra tanto amata.

Pensieri che vagano di là della vista verso mari e villaggi, amicizie anche lontane e bisogni che lottano col giorno - una lettura intima di responsabilità in quanto donna e madre.

“Aleggia tutt’intorno un bisogno colossale, di tutte e niente da donare” - una denuncia, un’esternazione sempre presente quanto il bisogno di “regalare serenità” e provarla.

“Piccini fra mura crude dentro al nulla” - flash di occhioni neri dei bambini nei villaggi, colmi di poco ma pieni di tutto.

“Lacrime sgorgano pensando a tanta bellezza e a quanto anche tu ameresti il mare” - una dedica ai bimbi locali ed un invito a tutti noi che conosciamo poco o niente del mare.…e di tanto altro ancora!

Potrei continuare all’infinito, ma credo sia opportuno che siate tutti Voi ad apprezzare ciò che troverete nella silloge ed esterno dunque l’invito di inoltrarVi nella lettura di questi versi riuscendo ad associare le parole ed i colori al paesaggio naturale incontaminato, come se fossimo in un sogno e pensassimo per un attimo di lasciarci andare a luoghi lontani.

Fra le righe emerge sempre la voglia di donare, di apprezzare tutte le bellezze della natura, ma considerare anche tutte le difficoltà che si possono trovare in un paese non sempre generoso. 

Probabilmente, ma lo dico solo come supposizione proprio perché non conosco questa terra, il Kenya sa regalare a chi, con dedizione e voglia di conoscenza, gli si avvicina con l’anima nuda e con la consapevolezza di esserci non solo da turista ma da viaggiatore leggendo nei visi che si incontrano la leggerezza che tutti noi dovremmo provare e custodire.

Vorrei chiudere questa prefazione, ricordando proprio il “mal d’Africa” che citavo all’inizio, prendendo  in prestito una frase tratta da “Così parlò Zarathustra” di Nietzsche:

“Sono ore che mi scendono lacrime, ma mi rincorrono emozioni che non riesco a fermare. Non riesco a capirne il senso, o forse non voglio. Mi aggrappo per un attimo alle mie convinzioni a volte la cultura è dannosa”.

 

In fondo, non c’è mai una partenza da un luogo che ami e che hai radicato nel cuore, anche se non torni con la presenza, torni comunque e sempre col cuore… e non solo.

 

Carla Colombo

15 maggio 2021

 

Un parto gemellare!!! 

Lo stesso giorn0 è nato anche DI SOLCHI E TRACCE e vale tutto ciò che ho detto qui sopra pe quanto riguarda l'acquisto e la solidarietà. 




 

8 luglio 2021

Frida Kahlo, Il diario perduto di Frida Kahlo, libro,

Ho appena terminato di leggere il volume

"IL DIARIO PERDUTO DI FRIDA  KAHLO"

di

ALEXANDRA SCHEIMAN


Sono sempre stata attratta dalla biografie dei grandi personaggi, 


e da a pittrice e da donna non posso certo esimermi dal conoscere la biografia di Frida Kahlo e così ho letto questo ennesimo libro, che fa  riferimento ad un suo quaderno dove riportava le ricette che tanto amava cucinare, soprattutto per il suo grande amore Diego Rivera: Il libro dell'arba santa, che non è mai stato ritrovato, dopo essere stato esposto in una mostra e sparito subito dopo.   

Amata e tradita dal marito Diego Rivera, che ha sposato due volte,  ha anch'essa amato e tradito.  Forse ha amato più lei del marito, ma tra le pagine del libro si evince che i due artisti non erano certamente avari d'amore.   Frida ha amato o almeno ha avuto storie d'amore con  tantissimi illustri dell'arte, uomini e donne,  ma anche politici e illustri delle finanza. Nel libro vengono citati, ma su qualsiasi pagina web si può trovare ogni riferimento ai suoi molteplici amori. 

Nonostante abbia sofferto tanto, è anche vero che ha saputo sfruttato al massimo ogni momento della sua vita, soprattutto quando ancora non era costretta a letto. 

Un libro che viene arricchito dalle tante ricette messicane citate fra le pagine che ci permette un po di conoscenza culinaria messicana in un contesto di "patto con la morte" a seguito dell'incidente che ha avuto a 17 anni e che l'ha segnato per tutta la sua breve vita (è morta a 47 anni) 

Da leggere? Direi di si, soprattutto per conoscere una Frida che non è solo la Frida costretta a letto, sofferente e sfiduciata, come spesso viene descritta, è molto di più...e tra le pagine viene espresso molto bene. 

 https://www.sololibri.net/Il-diario-perduto-di-Frida-Kahlo.html

...e il mare racconta, progetto, silloge, artecarla, carla colombo

 CHE NE DITE? Ci proviamo anche questa volta?

Se con la nevicata del dicembre 2020, l’ispirazione poetica e pittorica è stata tanta, anche per il periodo che si stava vivendo di pandemia Covid-19, non possiamo certamente dire, che quest’anno, dopo tante difficoltà di restrizioni varie, non ci sia venuta o non ci venga la voglia di staccare la cosidetta spina e poterci godere a pieni polmoni la natura; chi ai monti, chi ai mari, chi in campagna, ma in tutti noi la voglia è davvero tanta.
Allora, se la neve ha meritato con il suo fascino la silloge “…e la neve avvolge”, perché non pensare anche al mare…che tanto racconta e che tanto ispira?
Penso che in tanti lo abbiamo descritto, immaginato, ricordato, pensato, magari con una poesia, con un dipinto, con una foto…ma una cosa è certa; tutti noi conserviamo rimembranze raccolte lungo la spiaggia nelle notti di luna oppure semplicemente con la luce del giorno.
Ho pensato dunque di raccogliere le Vostre emozioni.
Un ulteriore progetto che vede protagonista appunto il mare: “...e il mare racconta” sarà dunque il nuovo progetto per la nuova silloge di poesie ed immagini che vado ora a lanciare:
- I poeti possono inviare una poesia a tema “Il mare” ed un’immagine fotografica di proprietà a tema “il mare”, oppure due poesie a tema “il mare” (spazio a disposizione due pagine), completi di titolo.
- Gli autori possono inviare un racconto a tema “Il mare”, (spazio a disposizione due pagine), completo di titolo.
- I pittori/fotografi possono inviare un’immagine di dipinto o fotografia (se verticale) a tema “il mare”, oppure due immagini di dipinto a tema “il mare” (se orizzontali), (spazio a disposizione una pagina), completi di titolo, tecnica, dimensioni.
- NON è richiesta alcuna quota di partecipazione, solo, ma SENZA alcun obbligo, l’acquisto di una o più copie del volume che verrà emesso con cod. ISBN al costo di € 15,00 + € 3,00 di spese postali (se le pagine saranno come la volta precedente)
- Consegna lavori entro il 30 settembre 2021 da inviare all’indirizzo mail: carla_colombo@libero.it
Grazie per l’attenzione e buona partecipazione.
ArteCarla di Carla Colombo
P. IL PROGETTO ANDRA' IN PORTO SOLO SE SI RAGGIUNGERANNO ALMENO LE 100 PAGINE. (..E LA NEVE AGGOLGE ERA DI 143 PAGINE)