I COLORI..."PENSIERI DELLA MIA MENTE" E LE MIE POESIE..."LA MELODIA DEL MIO CUORE"

In questo mio spazio desidero condividere le mie opere pittoriche, le mie poesie, foto, viaggi, ricette, letture...insomma tutto ciò che ho desiderio di condividere con Voi.

mostra CARLA COLOMBO

mostra CARLA COLOMBO
Ospite del CENTRO CULTURALE GABRIO CASATI di Muggiò e del ristorante-pizzeria "DA GIANCARLO" di Muggiò, espongo alcune mie opere dal 5 ottobre al 7 novembre 2017 - L'inaugurazione, accompagnata da un dopo cena e da un omaggio artistico, sarà presentata dal presidente dell'associazione Nazzareno Proietto e saranno declamate alcune mie poesie tratte da "La melodia del cuore" dall'attrice artista Giovanna Barnoffi. Vi aspetto per passare una serata in compagnia e senza tanti formalismi.

24 agosto 2011

Cassano D'adda - un'altra perla sull'Adda

Il mio desiderio di approfondire la visita di alcuni paesi displocati sulle sponde del mio fiume , l'Adda, si sta via via più definendo, infatti Vi sto per presentare alcune immagini di uno splendido paese che ho visitato qualche domenica fa, quando il caldo non era così opprimente  anche se sulle sponde del fiume i bagnanti erano tantissimi.
C A S S A N O   D ' A D D A 

Cassano d'Adda (Casàn in dialetto milanese) è un comune di 18.696 abitanti della provincia di Milano. Fa parte del territorio della Martesana
Non vi sto ad elencare tutte le belle ville patrizie che potrete eventualmente visitare in una visita a Cassano d'Adda ... sarebbe troppo lungo, mi limito ad inserire  alcune  immagini del

C A S T E L L O

che già da solo merita senz'altra una visita.







 Il ponte che collega le due sponde dell'Adda ed il panorama che si presenta è stupefacente. Qui sotto da sopra i ponte il panorama



IL Castello è visitabile dalla splendida piazza in paese...
ed anche da quassù il panorama merita davvero tantissimo



foto di © Carla Colombo 
tratto dall'web...

Maestoso, un po' altezzoso, cromaticamente e architettonicamente leggermente confuso, il castello di Cassano d'Adda svetta sull'argine del canale Muzza, accogliendo con severità il viaggiatore che proviene dalla pianura bergamasca. Si presenta, a prima vista, in modo sicuramente originale, privo cioè delle fondamentali caratteristiche che accompagnano i castelli lombardi: : nessun merlo, una sola torre, nessun bastione, nessun fossato. Questa singolare parvenza estetica altro non è che il risultato di una plurimillenaria storia di rimaneggiamenti e di abbandoni .
Non è possibile datare con esattezza l'anno della costruzione del maniero cassanese; è comunque certo che nell'anno 887 accolse il tedesco re Carlomanno chefu il primo di una non trascurabile serie di ospiti che soggiornarono tra le possenti mura della rocca abduana. Anche re Enzo, figlio di Federico II di Svevia, infatti vi si trattenne nel 1245 mentre Ezzelino III da Romano vi fu fatto prigioniero nel 1258 prima di essere tradotto a Soncino. Il Castello di Cassano seguì le vicende politiche della vicina Milano, conteso tra Torriani, Visconti e Sforza. Nel 1446 visse una breve parentesi veneziana con il dominio della Serenissima che lo fortificò, lo cinse di un fossato e lo dotò di bastioni e fortilizi all'imbocco della Muzza. Qualche anno più tardi, tuttavia, il maniero già quasi millenario, tornò definitivamente sotto la potenza ambrosiana alla quale legò fortune e sventure. Tra il 1451 e il 1474 il castello fu al centro di una intensa opera di rimaneggiamento e fortificazione: l'architetto Bartolomeo Gadio, che saldò il suo nome all'unica torre presente nella struttura militare cassanese, fu incaricato di eseguire lavori che ne interessarono la rocca, il revellino e i contrafforti sull'Adda. Fu necessario attendere altri tre secoli perché il vecchio castello tornasse all'attenzione di architetti e ingegneri: fu Carlo Emanuele III di Savoia, re di Sardegna, a fortificare il maniero su progetto del capomastro Perrucchetti, antenato del fondatore degli Alpini. Fu questa l'ultima boccata di ossigeno per l'ormai stanca ed inutilizzata fortezza. Nel 1764, in pieno illuminismo, si fece demolire il portone del ricetto, che cingeva il borgo fortificato e si procedette ad altre opere di smantellamento: nel 1776 potè ufficialmente dichiarasi finita l'importanza militare del castello di Cassano tanto che se ne meditò una poco gloriosa demolizione. Negli anni settanta del XVIII secolo, infatti, si pensò di utilizzare l'area compresa tra il ricetto, il castello e il convento dei cappuccini per la edificazione di una dimora di residenza per il principe Ferdinando, figlio di Maria Teresa. La grande spesa, la distanza da Milano e, soprattutto, l'umidità della zona fecero abbandonare presto il progetto che si avvalse delle firme degli architetti Fè, Nosetti e Ferrari.
Superata la sua funzione bellica tra il XVIII e il XIX secolo , il maniero fu riadattato ad usi diversi; sede di pretura e carceri, caserma militare. Nel Novecento continuò incessante l'opera di "snaturalizzazione" del castello che finì per ospitare una filanda, sede di Pretura, officine, laboratori artigianali, malsane abitazioni. Fino ai primi anni Ottanta vi si trovava anche una frequentatissima discoteca ricordata con nostalgia dai giovani dell'epoca. Ogni ambiente della rocca finì insomma vittima dell'incuria e del più sconfortante degrado. Agli inizi degli anni Novanta si registrò un improvviso quanto inatteso colpo di spugna: si sbaraccò tutto quanto non attinente alla vetustà e alla importanza del luogo e si diede il via a lavori di restauro che restituirono, almeno esternamente, un certo decoro all'antico castello . Agli inizi degli anni Duemila la rocca che fu dei Visconti, pare voler far parlare ancora di se. Ne è una riprova quanto accadde nel 1999, anno in cui ritrovarono la luce alcuni meravigliosi affreschi di scuola giottesca. Un capolavoro di finissima fattura maldestramente celato sotto un robusto strato di calcina .in una cappella patrizia che aveva finito per diventare una coppia di miniappartamenti. Passato l'iniziale entusiasmo, tuttavia, l'imprevisto ritrovamento, che portò il castello di Cassano anche al centro dell'interesse della stampa nazionale, i riflettori sembrano essersi di nuovo spenti su questo prezioso tesoro della storia lombarda.
Marco Galbusera
---
Che dire ancora..si può scendere dal Castello lungo un percorso obbligatorio che porta direttamente sul fiume e prorpio sulla sponda del Castello si visita la struttura del "dopolavoro" dove ai tempi riunivano i lavoratori della ex Borletti. ed ora adibito ad eventuali culturali ed a semplice bar...il paese offre moltissimo.  Inoltre se avete voglia di una passeggiata in mezzo al verde si giunge alla centrale posta in una conca silente e rilassante.  Oppure, se lo desiderate  è possibile   passare una giornata lungo le sponde del fiume in cerca di refrigerio o di tintarella presso la cosidetta Spiaggia di Cassano (qui sotto), ma anche in oasi di verde isolati e refrigeranti .
Le foto che ho inserito qualche giorno fa dei cigni sono state scattate proprio su queste acque che si accostano senza problemi ai  turisti.
Cassano d'Adda dunque è senz'altro un meta da inserire per coloro che vogliono documentarsi sui paesi posti sul percorso del fiume Adda oppure semplicemente per passare una giornata in Brianza.

da you.tube