I COLORI..."PENSIERI DELLA MIA MENTE" E LE MIE POESIE..."LA MELODIA DEL MIO CUORE"

In questo mio spazio desidero condividere le mie opere pittoriche, le mie poesie, foto, viaggi, ricette, letture...insomma tutto ciò che ho desiderio di condividere con Voi.

9 novembre 2014

Nuova recensione sulla mia arte


A firma dott.ssa Lauramaria Figundio critica d'arte di Matera - articolo pubblicato sul periodico d'arte IoARTE N. 70 - anno 2014 - ho ricevuto questa , secondo me, splendida recensione.
Carla Colombo - il sentire attraverso i colori 

Nel mondo artistico contemporaneo capita di incontrare più spesso sperimentazioni di impatto che un antico e forse dimenticato uso del colore e della gentilezza del tratto, a favore di impeti formali che a volte lasciano più perplessi che affascinati.


Guardando le opere di Carla Colombo, invecem ritroviamo gusto cromatico, luminosità, elementi poetici, spesso trascurati dal più moderno linguaggio artistico.

Artista nata e cresciuta in un paesino della Brianza, Carla Colombo restituisce nei suoi quadri una interiorità poetica, dipinge atmosfere più che paesaggi e soggetti, usando il colore come mezzo di espressione e metafora dello stato interiore.
Accostatasi ala pittura da autodidatta, ha improntato il suo percorso artistico in una ricerca incessante, nella quale l'esperienza umana è diventata colore nelle sue opere. Il suo tratto fluido e deciso, non perde mai di chiarezza e gentilezza, i suoi paesaggi restituiscono un aspetto idilliaco della natura, ricordando quella luce calda, accecante, avvolgente, memore della lezione impressionista , filtrata attraverso i Macchiaioli. Su una solida struttura formale, Carla Colombo iposta le sue raffigurazioni composte, senza però imbrigliare lo sguardo, libero di spaziare sula tela, ad entrare nel campo prospettico, essere accolto e avvolto da atmosfere gentili, da colori di vivaci, da accostamenti cromatici che diventano materia, atmosfera, profumi, poesia.
Anche nei quadri informali, a tecnica mista, nelle sperimentazioni più lontane dalla forma n senso più classico, Carlo Colombo usa il pennello come la penna, in questa continua esternazione del suo sentire, sempre garbato, mai eccessivo, piacevolmente poetico e mai stucchevole.
La sua conoscenza della tecnica pittorica, il sapiente uso della spatola, la brillantezza degli accostamenti cromatici, a volte arditi, ma sempre gradevoli, le ha consentito di esprimersi attraverso la pittura ad olio ed a acquarello con la stessa efficacia., impeto e grazia, leggerezza e densità materica che rendono i suo iquadri, ed il talento che attraverso di essi esprimono, un bell'esempio di arte come espressione dell'io, senza l'arroganza di dare un'interpretazione impositiva del soggetto, quanto piuttosto un voler condividere impressioni, sensazioni, emotività positiva.