23 ottobre 2014

..e si continua con "Identità cromatica"

La mia mostra personale IDENTITA' CROMATICA prosegue fino a domenica 26 ottobre 

Siete ancora in tempo per venirmi a trovare...e magari Vi invogliano questi scritti che alcuni visitatori mi hanno lasciato nei primi due giorni









http://artecarlacolombo.blogspot.it/2014/10/mostra-personale-identitacromatica.html

foto di Carla Colombo



22 ottobre 2014

Montecatini Alto -. flash

Nel programma breve tour  alla città Lucca e Pistoia del mese di settembre era prevista anche una breve escursione al borgo di MONTECATINI ALTO.
E' stata una gradevole scoperta.  E' uno suggestivo  borgo medioevale immerso nel verde con uno splendido panorama su Montecatini Terme e la zona circostante.  Troppo spesso ci si ferma a Montecatini Terme (dove tra l'altro abbiamo pernottato) senza salire fino al borgo. che merita senz'altra una sosta.

Veduta del Borgo 



Così scrive WIKIPEDIA

Montecatini Alto è una frazione del comune di Montecatini Terme. Anticamente si chiamò Montecatini Val di Nievole e fu capoluogo di un comune autonomo fino al 1940.

Il comune originario si estendeva per circa 30 km² ed aveva circa 5400 abitanti nel 1905. Il suo territorio era delimitato dai comuni diMarlianaSerravalle PistoieseMonsummano TermeBuggianoMassa e Cozzile e Ponte Buggianese e comprendeva, oltre al capoluogo, le località di Bagni di Montecatini (l'attuale Montecatini Terme) e di Pieve a Nievole.
Nel 1905 queste due frazioni furono erette in comuni autonomi; nel 1940 il comune di Montecatini Val di Nievole venne definitamente soppresso ed il suo territorio diviso tra quelli di Montecatini Terme (nome adottato dal comune di Bagni di Montecatini nel 1934) e di Pieve a Nievole. Al momento della soppressione, il comune contava poco più di 3200 residenti.
Al plebiscito del 1860 per l'annessione della Toscana alla Sardegna i "si" non ottennero, anche se per poco, la maggioranza degli aventi diritto (925 su totale di 1883), sintomo dell'opposizione all'annessione[1].
La piazzetta centrale del borgo 
La parte alta e la parte bassa della città sono collegate dalla storica funicolare rossa, inaugurata nel 1898.Grand personaggi come  Giuseppe Verdi, erano soliti durante la villeggiatura al borgo  prendendo  la funicolare per raggiungere la piazzetta principale di Montecatini Alto. Qui ancora oggi si può sorseggiare un thé o un caffè chiacchierando con gli amici e godendo delle fresche brezze che spirano costantemente in paese.







La Torre 


parte della Rocca 


 La Torre dell'orologio 


alcuni angoli del borgo







Dall'alto della rocca medievale si può ammirare uno splendido panorama: in basso si estende Montecatini Terme con i suoi numerosi edifici in stile liberty, incastonata tra i monti della Val di Nievole.



foto di Carla Colombo


20 ottobre 2014

Mostra fotografica - Oratorio Paolo VI

Sono sempre molto entusiasta e sostenitrice accanita  di tutte le manifestazioni che vengono   svolte in paese..il mio paese Imbersago, e come non potevo partecipare  a questa organizzata dal nostro oratorio Paolo VI ?
Mauro ed Achille con ovviamente Don Bruno hanno ben istallato ed organizzato la prima Mostra FOTOGRAFICA "FOTOGRAFIA CHE PASSIONE!" a tema libero e riservata a tutti coloro che amano immortalare momenti del nostro vivere, quindi aperta a dilettanti ed  appassionati.
Gli scatti presentati sono stati 130.  
Ho dato il mio piccolo contributo, come dilettante e come persona che scatta solo per puro piacere personale ed avendo già disponibili alcune foto sviluppate per altre occasioni, mi è stato facile partecipare. 




le mie foto presentate 










Tutte le foto erano esposte senza indicazione di nome e senza titolo...una vera carellata di "scatti" senza voler mettere in risalto nessuno in particolare, ma un'unione semplice di visioni e di emozioni.

Durante la collettiva si potevano votare i tre scatti preferiti...ad oggi non so ancora quali sono state lo foto prescelte dal pubblico.

Complimenti a tutti gli organizzatori

Anche la testata del merateonline parla oggi della mostra
http://www.merateonline.it/articolo.php?idd=49647&origine=1&t=Imbersago%3A+32+espositori+e+128+fotografie+alla+mostra


foto di Carla Colombo


15 ottobre 2014

Mostra personale "IDENTITA'CROMATICA"


VI ASPETTO :

“IDENTITA’ CROMATICA”-  LA NUOVA PERSONALE DELLA PITTRICE  CARLA COLOMBO

Reduce nel mese di settembre  da un successo personale alla  biennale “Challange Alari” presso l’Abbazia de Brogne, ST. GERARD in Belgio ed un ennesimo riconoscimento al concorso SER-UGO a Padova la pittrice imbersaghese Carla Colombo si ripropone al Suo paese presso la nuova sala civica del palazzo comunale di Imbersago, appena ristrutturato, con una mostra personale dal titolo “IDENTITA’ CROMATICA” .
Lanciata nel mondo artistico internazionale  a pieno titolo, torna ad Imbersago , con il patrocinio dello stesso comune,  esponendo una selezione di opere eseguite con diverse tecniche congeniali all’artista, che passano dall’olio a spatola o pennello , all’informale materico, fino ad arrivare ad opere ad acquarello.
Un mix di cromia e di stili  che hanno un comune denominatore;  un’espressione artistica sempre colma di emozioni e tanta dedizione 
A detta di critici ed appassionati d’arte, Le Sue sono opere solari, pulite, salutari non solo agli occhi ma anche al cuore.
In mostra si potrà pure visionare la Sua raccolta di poesia edita da Book Sprint Edizioni – “LA MELODIA DEL CUORE” che raccoglie ottanta poesie dell’artista.
La mostra, con ingresso gratuito, sarà aperta il 18 ottobre sino al 26 ottobre con i seguenti orari di apertura:

domenica 19 ottobre dalle ore 09.30 con orario continuato in concomitanza con il mercato dell’antico, sabato e domenica ore 10.00/12.30 – 14,00/19.00
Giorni feriali con apertura uffici comunali: lunedì, martedì, mercoledì, venerdì ore 09.30/12.30 – giovedì ore 16,30/18,30.

La suddetta mostra avrà poi per tutto  il mese di novembre due ulteriori tappe: presso la Galleria Auchan di Monza, nel contesto de “La Corte dell’Arte” e presso il Centro Resort La Colombera di Castrezzato BS, senza dimenticare più avanti due importanti collettive presso due gallerie a San Pietroburgo  ed a Mosca.

per informazioni: tel. 0399920760-cell.3495509930  carla_colombo@libero.it-www.artecarla.it

HANNO SCRITTO DELLA MOSTRA : 



HANNO SCRITTO DELLA MOSTRA :




14 ottobre 2014

Lucca....flash

Scatti veloci sulla splendida città di Lucca...città dalle cento chiese ...

così dice WIKIPEDIA

Lucca è un comune italiano di 89.204 abitanti[2]capoluogo dell'omonima provincia in Toscana. Famosa per i suoi monumenti storici (vedi Mura di Lucca) è una tra le città d'arte più note in Italia. Ufficialmente di origini romane, Lucca mantenne la sua autonomia come stato indipendente per molti secoli, fino all'Unità d'Italia. Legata molto al turismo, vive molto anche grazie anche all'industria e alle vivaci imprese medio-piccole (importanti a livello nazionale sono le cartiere nei dintorni dell'omonima provincia).



parte della mura che delimitano la città.


chiesa di San Michele in foro 


la piazza 


idem 




palazzo ducale


il Duomo 


di fronte al Duomo


all'interno del Duomo la Cappella dedicata ad Ilaria del Carretto 


la via più importante di Lucca...via Fillungo


la torre dell'orologio


la torre Giunigi


la chiesa di San Frediano


altra via importante - via dell'anfiteatro 


parte dell'anfiteatro 


idem 




ed ho scelto questa trattoria tipica per il nostro pranzo. 


ciao Lucca 

e per finire la foto del bar dove soleva recarsi Puccini. purtroppo chiuso non si sa per quale motivo...la guida dice per restauri. (della serie ho ancora buona memoria e se per caso passa da questo blog, la dedico alla personae che me ne aveva parlato)  Come spesso succede in queste visite poteva passare inosservato poichè la guida non l'aveva neppure nel programma e si è meravigliata del fatto che io chiedessi di farmelo vedere.


Di Lucca si può dire tanto ma Vi demando a Web che ne sa più di me ;-) potrei postare anche tante altre foto, ma credo di aver inserito il top delle cose da vedere ed ammirare. 
 Consiglio di visitarla perchè ha un fascino particolare, come tante città toscane, ma vale senz'altro la pena di soffermarsi almeno un giorno in più   per riuscire a cogliere in pieno quelle sensazioni che diventano effimere quando si fa tutto di corsa.  

foto di Carla Colombo