I COLORI..."PENSIERI DELLA MIA MENTE" E LE MIE POESIE..."LA MELODIA DEL MIO CUORE"

In questo mio spazio desidero condividere le mie opere pittoriche, le mie poesie, foto, viaggi, ricette, letture...insomma tutto ciò che ho desiderio di condividere con Voi.

mostra CARLA COLOMBO

mostra CARLA COLOMBO
MOSTRA PERSONALE ...DI SOLE E DI ME presso Centro Florovivaista LA GARDENIA, mbersago, dal 1 dicembre al 7 gennaio Per il quinto anno sarò ospite del centro vivaio LA GARDENIA di Imbersago che per il periodo natalizio arricchirà il proprio spazio di stelle di natale, ciclamini, composizioni ed addobbi vari. Le mie opere saranno inserite in questo splendido contesto e daranno all'insieme atmosfera accogliente e stupendamente accattivante.

9 giugno 2016

Sul cammino di San Francesco (Greggio, FonteColombo, Poggio Buscone) ... e poesia

Ho avuto modo di partecipare ad un convegno organizzato dalla FNP-CISL DI MONZA BR + LECCO percorrendo il "CAMMINO DI FRANCESCO"
Abbiamo "toccato" tre località dove Francesco si è soffermato in preghiera e dove ha divulgato il vangelo.
Non mi addentro su riflessioni varie, sarebbe troppo impegnativo per questo modesto mio spazio, i limito a postare solo qualche foto, giusto per farVi venire il desiderio di visitare quei luoghi:


GREGGIO 


Qui San Francesco d'Assisi, era solito ritirarsi in preghiera e meditazione in una capanna protetta da due piante di carpino. In questo stesso luogo, nel 1792, per volontà popolare, venne costruita una cappellina commemorativa a Lui dedicata, "la Cappelletta".







FONTECOLOMBO


Nella parte più nascosta di un bosco di lecci secolari, sulla costa del verdissimo monte Rainiero, si adagia il santuario di Fontecolombo. Come ci dice l'Anonimo Reatino è il Sinai francescano, è, infatti, il monte scelto da Francesco per stilare la regola definitiva del suo Ordine. Qui tutto è sacro: gli edifici e il bosco stesso, perché racchiude il Sacro Speco, la grotta naturale in cui Francesco scrisse la regola del suo Ordine.
E' il monte scelto da Francesco per stilare la regola definitiva del suo Ordine. Qui tutto è sacro: gli edifici e il bosco stesso, perché racchiude il Sacro Speco, la grotta naturale in cui Francesco scrisse la regola del suo Ordine.






POGGIO BUSTONE 


Convento del 1500, ove risiedono i Frati Francescani nei pressi del romitorio dove si fermò il Santo d'Assisi, e dove gli apparve l'Angelo







E dove abbiamo soggiornato per due notti . 
Il convento di Sant'Andrea  a Collevecchio 



Personalmente ho dormito in una cella che una volta era proprio dei frati francescani.
Da questa esperienza  è sfociata spontanea una poesia che servirà anche come mio piccolo contributo per un libro raccolta che la FNP pubblicherà a seguito dell'esperienza. In programma ci sono anche miei dipinti a ricordare appunto il viaggio,

“Madre Terra”
(la mia cella al convento di  Sant’Andrea-Collevecchio)

Ho lasciato fra le tue mura
d’intensa storia
di lacrime e sogni
i miei pensieri
nascosti e custoditi
nel cuore del tempo
ed ho posato sul povero giaciglio
le mie membra stanche
di affanni e di dolori.

Solo tu ora Madre Terra
conosci il segreto del mio dolore
e lo hai raccolto così, dolcemente,
come una madre
nell’umida notte di pioggia
di un impensabile giugno.

Con  l’alba del nuovo giorno
e con il melograno in fiore
di rosso vermiglio  
piantato appena laggiù
nel ridente giardino
ho ritrovato il sorriso,
preludio di un domani
ricco di frutti succulenti,
di speranza e di umanità

… Sei “Madre Terra” mia
sono “Madre Vostra” (figli miei)

Carla Colombo
7 giugno 2016 

Stilata a seguito esperienza presso il convento di Sant’Andrea a Collevecchio (sul cammino di San Francesco).
Madre Terra è stata la mia “cella” per due notti. 

Ho raccolto in queste poche righe un’emozione che ho lasciato fra le mura della mia cella nel convento di Sant’Andrea.
Troppo limitato il mio scrivere per rendere tutto il grazie a questa esperienza che mi ha arricchita, permettendomi di raccogliere alcuni miei pensieri e sfogando tra quelle mura umide e che trasudavano tempo, qualcosa che a volte mi strugge.
Non ero  preparata a questa esperienza, perché non sapevo che il mini tour  fosse imperniato sul cammino di San Francesco, (sul programma non era specificato) bensì, pensavo, alla visita dei vari paesini del cammino.
Non mi voglio dilungare, dico solo che è stata un’esperienza nuova per me forse appunto perché non ero preparata o forse perché non mi ritrovo spesso a viaggiare  da sola (è la seconda volta dopo “Il viaggio della memoria”), non nascondo che ho avuto al primo impatto, all’apertura della piccola porticina della cella, una specie di rigetto, di magone fermato nello stomaco, ma poi, con la seconda notte, tutto mi è parso sotto una luce (fioca per la verità) diversa; la mia celletta  mi è sembrata tanto carina ed accogliente ed anche la lumaca che mi aveva tenuto compagnia la prima notte ha trovato la Sua libertà nel giardino posto sotto la piccola finestra, vicino al melograno in fiore che da subito ho amato.









Chiudo  con queste parole di San Francesco:
“Ciò che mi sembrava amaro, mi fu cambiato in dolcezza d’anima e di corpo”

Carla Colombo

7 giugno 2016


foto di Carla Colombo