I COLORI..."PENSIERI DELLA MIA MENTE" E LE MIE POESIE..."LA MELODIA DEL MIO CUORE"

In questo mio spazio desidero condividere le mie opere pittoriche, le mie poesie, foto, viaggi, ricette, letture...insomma tutto ciò che ho desiderio di condividere con Voi.

mostra CARLA COLOMBO

mostra CARLA COLOMBO
MOSTRA PERSONALE ...DI SOLE E DI ME presso Centro Florovivaista LA GARDENIA, mbersago, dal 1 dicembre al 7 gennaio Per il quinto anno sarò ospite del centro vivaio LA GARDENIA di Imbersago che per il periodo natalizio arricchirà il proprio spazio di stelle di natale, ciclamini, composizioni ed addobbi vari. Le mie opere saranno inserite in questo splendido contesto e daranno all'insieme atmosfera accogliente e stupendamente accattivante.

29 febbraio 2016

La masseria delle allodole- film dei fratelli Taviani

IL GRANDE MALE è un progetto dedicato al genocidio del popolo armeno, organizzato dai vari comuni della zona, ed anche il mio comune Imbersago, partecipa al progetto.

Breve percorso di conoscenza e riflessione sulla storia del popolo armeno ad un secolo da suo genocidio.

Il primo incontro è avvenuto il 24 febbraio presso la mediateca di Imbersago con la proiezione del film "LA MASSERIA DELLE ALLODOLE" dei fratelli Taviani. 

Qui sotto il film prelevato da you tube...se volete... BUONA VISIONE






DA WIKIPEDIA

La masseria delle allodole è il 18° film diretto dai fratelli Taviani, tratto dall'omonimo romanzo di Antonia Arslan.
Narra le vicende di una famiglia armena dell'Anatolia all'epoca del genocidio armeno (1915).
Il film è uscito nelle sale italiane il 4 maggio 2007.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

È il 1915. In una cittadina della Turchia vive la benestante famiglia armena degli Avakian. Alla morte dell'anziano capofamiglia, vengono invitati alle esequie anche alcuni Turchi, tra cui il colonnello Arkan, capo della guarnigione locale, nella speranza che i passati contrasti tra Turchi e Armeni siano ormai superati, e che si possa instaurare un rapporto di rispetto reciproco tra le due comunità. I funerali sono così l'occasione per la bella armena Nunik di rivedere il suo amato, l'ufficiale turco Egon. Quest'ultimo, pur appartenendo all'organizzazione dei Giovani Turchi, non ne condivide le posizioni anti-armene, e progetta di fuggire all'estero con Nunik.
Intanto Assadur, il figlio maggiore del patriarca, che da molti anni vive a Padova e a cui il padre aveva vietato di tornare in patria, apprende che quest'ultimo ha comunque lasciato a lui la vecchia Masseria delle Allodole. Assadur decide che è venuto il momento di tornare in Anatolia e riunire di nuovo tutta la famiglia. La masseria viene così rimessa a nuovo, e inaugurata con una splendida festa, mentre Assadur inizia i preparativi per il viaggio.
Questi momenti di felicità sono però bruscamente interrotti. Le autorità turche contattano il generale Arkan, dicendogli senza mezzi termini che è arrivato il momento di sbarazzarsi degli Armeni, una volta per tutte: tutti i maschi devono essere uccisi, le donne deportate. Arkan è inorridito, ma deve obbedire agli ordini. Spera tuttavia di salvare la vita perlomeno degli Avakian, ma i suoi ordini non vengono rispettati, e una squadra di soldati turchi si presenta alla masseria, massacrando tutti gli uomini. Alla notizia della strage, Assadur vorrebbe affrettare il ritorno per aiutare gli Armeni, ma la notizia dell'ingresso in guerra dell'Italia lo fa desistere. Intanto il tentativo di fuga di Egon e Nunik è scoperto, ed Egon viene spedito al fronte contro i Russi.
Sotto la stretta sorveglianza dei soldati turchi, inizia così per le donne armene una lunga ed estenuante marcia verso il deserto. Qui le donne armene vengono maltrattate sotto le porte di Aleppo finché non verranno uccise tutte. Durante la sosta sotto le mura Nunik, la nipote del patriarca morto all'inizio del film, tenta di prostituirsi ad un soldato (Yasuf) per avere del cibo per i bambini. Quest'ultimo la riveste e le dà del cibo per nulla in cambio, quindi si crea un rapporto tra i due nel quale ci sarà la promessa del soldato che in casi estremi avrebbe dovuto uccidere Nunik per evitarle la sofferenza della tortura di cui lei aveva paura. Terrà questa promessa quando lei tenterà di scappare e verrà fermata e per non finire al rogo, verrà quindi decapitata da Yasuf. Quattro anni dopo, la guerra finisce e lui stesso denuncia se stesso per quest'atto cruento durante un processo.



28 febbraio 2016

Il più bello dei mari è quello che non navigammo - Nazim Hikmet (mare, barca, vela, olio, quadro)

E' il titolo assegnato a questa mia ultima opera che qualcuno su Facebook ha definito "diversa" dai miei paesaggi silenti.

Due poeti si sono espressi sull'opera: PATRIZIA ACERBONI (poetessa pluripremiata) E ROSARIO MEDAGLIA (presidente dell'associazione La Finestra Eterea, nonchè lui stesso poeta, regista, attore e chi più ne e più ne metta)

..e si è aggiunta pure la poesia di GianPiera Sironi, un secondo fa


opera : Il più bello dei mari è quello che non navgigammo - Nazim Hikmet - olio a spatola su tela
dim. cm. 60x40 - anno 2016 

------------------------------------------

NAVIGHERO'
DI
PATRIZIA ACERBONI

Issata è la vela
sollevata è l’ ancora …
son pronta a salpare.

Baciata dal sole
respirerò aria salmastra
sotto cieli stellati
mi lascerò cullare
e argentee lune
saranno il mio faro.

Non più
cannule
aghi
camici immacolati
e sorrisi dipinti
su volti provati. 

Quante tempeste ho affrontato
ma ora
lasciate ch’ io vada …

Voglio navigare in quel mare
che nessuno può raccontare. 

...................................................

LA  BARCA 
DI 
ROSARIO MEDAGLIA

Vela
col colore del sole 
verso sera,
mentre un verde 
scende dolce sul bianco dello scafo
e parla del viaggio sull'azzurro.
Due cuori
sognano nella brezza
e sono già su quella barca

------------------------------------------

IL  PROSSIMO  VIAGGIO
DI
GIANPIERA SIRONI

Limpido è l'orizzonte,
La barca riposa sulla rena
E noi, mano nella mano,
A guardare il mare
Sognando
Il prossimo viaggio.







25 febbraio 2016

Tea - rosa gialla (fiore, giallo, olio, dipinto)

Mi è stata richiesta una rosa gialla .... e rosa gialla sia!


opera . TEA ... rosa  color del sole - olio a spatola su tela - dim. cm. 45x20 - anno 2016 
 non disponibile 

lettura dott. Aracri 

Ci sono momenti in cui un oggetto, un luogo,un profumo, a volte una sensazione piccola ma insistente riesce a risvegliare  o forse a far rivivere un’emozione intensamente vissuta che la pittura riesce a fermare in una composizione dolce e narrante.
Così  in questa delicata opera di Carla Colombo, la poetessa del colore, che carica  una semplice composizione con il sentimento delle sue cromie eleganti e raffinate che conferiscono alla sua pittura una luminosità particolare, così tanto che il soggetto  diviene impregnato di una storia incancellabile che solo la sensibilità di uno sguardo riesce a cogliere.
Una rosa gialla si apre su tutto lo spazio  e con le sue forme armoniose, i suoi petali vellutati aperti come in un abbraccio infinito, suscita ricordi, rievoca suoni, amplifica emozioni vissute e cicatrizzate nel cuore che con esse palpita ogni giorno eternamente. 
Fa da contrappunto il bocciolo come a significare che qualcosa sta nascendo e se non riesce a far rivivere una sensazione allora la realizza nel sogno per continuare il sentimento ogni giorno, ogni notte, ogni alba.
La sublimazione delle passioni umane, il vissuto indimenticabile, le piccole gioie che fanno grande un sentimento, il senso di stanchezza che ci coglie ogni giorno, la forza per rialzarsi e continuare nel segno di qualcosa di importante vissuto, trovano luogo nelle tonalità calde e luminose, nelle cromie ricamate diluite con leggerezza e affetto come se si depositasse una carezza, quella che ancora riusciamo a sentire nonostante tutto.
Attraverso le sue opere questa artista riesce a rendere umano l’infinito della vita e fermare gli attimi per riviverli  senza la malinconia dell’assenza  ma solo con la forza dell’amore.

Dott. Romeo Aracri

3 marzo 2016 






19 febbraio 2016

un'opera in fase di realizzazione ed ancora Adda

Sono stata ispirata da una fotografia del fotografo Flavio Bortolussi che ho conosciuto durante la mia mostra personale tenuta l'anno scorso presso la sala espositiva del mio comune. 
Ho preso spunto dalla Sua foto, ma poi come sempre ho dato libera espressione al mio cosidetto estro artistico.
Qui desidero mostrare per la prima volta le fasi del lavoro. 

Opera: IN ATTESA DI TE (un tratto dell'Adda ad Airuno ) - olio a spatola su tela - dim. cm. 70x50 - anno 2016 - copyright. tutte le mie opere sul sito wwww.artecarla.it




Lettura dell'opera del dott. Romeo Aracri

Gli artisti dipingono con gli occhi, la mente e il cuore e Carla Colombo vi aggiunge la sua vena poetica depositando nei suoi pigmenti tutta la struggente romantica atmosfera che impregna le sue composizioni. 
Cosi in questa delicatissima e vaporosa opera che comunica un senso di appagamento estetico ed emozionale che supera i margini della tela e raggiunge la sensibilità dell’osservatore. Ma questa artista dipinge anche con l’anima raccontando con la sua pittura la sua storia e il suo vissuto fatto di colori tenui e soffici che sfiorano la dimensione del sogno. 
Tonalità accostate con magistrale tocco della spatola che smaterializza la realtà senza però decomporla ma la evoca in una palpazione soffice quasi eterea. 
Espressionismo molto personale dettato dal suo innato talento che interpreta e rielabora la sua ricerca sino a estremizzarla nei margini appena accennati che vivono della tecnica che si apre nello scenario senza stagione e senza tempo . 
Colori brillanti che scorrono in un silenzio quasi irreale dove si coglie il respiro e il lento eterno andare dell’Adda che accompagna la sua pittura in una luce crepuscolare che accende sulla tela una “visione interiore “ di luoghi, cose, emozioni come lo sono i sogni o forse le illusioni. 
Un viaggio nella memoria, un insieme di sensazioni che assumono la consistenza e la forma del colore nel segreto riproporsi di un incantesimo……..nell’attesa di te.

19 febbraio 2016


realizzazione 










17 febbraio 2016

Collettiva IN - ARTE

Artisti di tutta Italia che hanno già esposto per tutto il mese di dicembre presso La Gardenia, sono stati presenti con  le loro opere presso l'atelier ArteCarla di Imbersago - dal 10 al 17 gennaio
esponevano: Ada Bucceri, Carla Colombo, Donatella Meschi, Gianpietro Asnaghi, Guglielmo Stucchi, Fabienne Di Girolamo, Giuseppa Matraxia, Ilaria Pergolesi, Ivana Magagnino, Ivana Motta, Leonardo Guarino, Luigi Messina, Margherita Fascione, Marina Salomone, Mario Selloni, Milena Mosca, Nina Grioli, Pasquale Grande, Sergio Colombo, Silvio Zago
































15 febbraio 2016

mail art disponibili

Per gli appassionati delle mail art ho disponibili alcune mail art per eventuali scambi.
Coloro che fossero interessati basta che scelga quella che preferisce e  che mi contatti:  carla_colombo@libero.it

La mail art ricevuta e spedita sarà inserita nella mia collezione.... qui:

http://www.artecarla.it/la_mia_collezione_.html






12 febbraio 2016

Le quattro stagioni

E' un soggetto che ripeto spesso, mai nello stesso modo. Mi è stato richiesto con dimensioni ben precise per abbellire un angolo di una abitazione in quel della provincia di Varese.

opere _ Le stagioni del cuore - olio a spatola su mdf - dim. cm. 20x8x4 - anno 2016 - non disponibile - copyright - tutte le mie opere sul sitowww.artecarla.it

( in questo caso sono fornite separatamente, ma possono essere raggruppate in un unico pannello, diventando così un quadro unico. )