I COLORI..."PENSIERI DELLA MIA MENTE" E LE MIE POESIE..."LA MELODIA DEL MIO CUORE"

In questo mio spazio desidero condividere le mie opere pittoriche, le mie poesie, foto, viaggi, ricette, letture...insomma tutto ciò che ho desiderio di condividere con Voi.

30 settembre 2014

Pintando ....(o meglio pitturando)


Uno spatolato immediato di stagione:


opera : Accarezzami intensamente... autunno - olio a spatola su tela, di. cm 50x40 . anno 2014

tutte le mie opere pittoriche sul sito www.artecarla.it




28 settembre 2014

Poetando...

E' da tempo che non posto poesie...riprendo il mio scrivere, anche se questa che ora propongo è rimasta nella cartella delle poesie in sospeso in attesa di essere rivista.  In realtà non ho rivisto nulla, credo che la lascerò così. 

… E DI  TE VORREI

… e di te vorrei raccontare
quando il silenzio
sarà come la notte
costellata e chiara
nelle estati vissute d’amore.

… e di te vorrei ricordare
tra i ranuncoli a primavera
ed il profumo dei gelsomini,
la farfalla adagiata
sul tuo viso umido di rugiada
e le tue impronte  lasciate
sul muschio d’inverno
mentre l’argento nei capelli
regala il passare degli anni.

… e di te racconterò
quando il silenzio
sarà compagno di oblio
laggiù nella valle
dimenticata dagli uomini
perdonata da Dio.


30 ottobre 2013

Carla Colombo 



opera : Un dì a venire (Adda) - olio a spatola su cartone telato. dim. cm. 40x30 - anno 2011-collezione privata 


tutte le mie poesie ed opere sul sito www.artecarla.it



27 settembre 2014

Rimini a settembre - I parte

COSI' DICE WIKIPEDIA 
Rimini (Rémin -usato dai residenti in città-[senza fonte], Rémni o Rémne- usati dai residenti del forese-[senza fonte] in romagnolo,Ariminum in latino) è un comune italiano di 146 856 abitanti[1], capoluogo dell'omonima provincia in Emilia-Romagna.
Il comune di Rimini comprendeva anche il territorio degli attuali comuni di Riccione, fino al 1922, e di Bellaria-Igea Marina, fino al 1956.
Rimini è il principale, nonché più popoloso, centro della Riviera romagnola e la seconda città per numero di abitanti (dopo Ravenna) di tutta la Romagna. Località di soggiorno estivo di fama internazionale[2][3], si estende per 15 km lungo la costa del mare Adriatico con hotel, locali notturni, attrezzature balneari e impianti sportivi. Lo sviluppo del turismo, avviato nel 1843 con la fondazione dello Stabilimento Bagni, si affermò definitivamente nel secolo successivo, perdendo l'originaria connotazione aristocratica e mondana e trasformandosi in fenomeno di massa.
R I M I N I per me a settembre 
ed inizio propria dalla spiaggia.

Rimini offre molto altro che non mi aspettavo,  ma di questo né parlerò nel prossimo post  
-------------------
Nel  mio breve soggiorno non ho trovato il tempo di completo sole, ma due-tre giorni di cielo bigio e mare triste...colori piuttosto spenti,  ma,ora guardando le immagini, devo dire che emanono una melanconia salutare e trovo che siano anche piuttosto poetiche.
Ho passeggiato moltissimo su quella spiaggia così ampia e di sabbia fine ed in queste mio passeggiare  la macchina fotografica ha avuto un ruolo da  protagonista  ....sempre con me!
Le immagine che vedrete si riferiscono proprio ad alcuni scatti effettuati durante queste passeggiate-
E' stupendo essere "quasi sola" in una spiaggia così immensa sentendo solo il rumore del mare. 



Lungo questa spiaggia ho camminato tanto


e passeggiando si incontrano momenti che vanno per forza immortalati


Da qui partono alcuni battelli che giungono sino a Pesaro




..cosa che non sapevo, si giunge alla visione del prestigioso  Grand Hotel, dichiarato monumento nazionale,  dove Federico Fellini ha girato il film Amarcord 


...e poi la ruota panoramica che permetta la vista di tutta la città. 
Vi mostrerò qualche foto durante la mia salita - Rimini versione notte
Il ticket ,se non ricordo male, 18,00 euro , non poco vero ? Una volta però si puo' fare.


tanti, tanti gabbiani a terra 


Si giunge poi al porto e qui proprio sul mare si può vedere il  RockIsland uno dei più famosi disco-pub di Rimini, aperto tutta la notte


guardate che poesia....il mare increspato, gli scogli, i rami essicati, la rete solitaria in attesa di essere calata nel mare,  l'uccellino che riposa  sulla punta della rete, la vela in lontananza, le nuvole rosate che accarezzano il mare...anche nelle giornate bigie si può trovare sempre il positivo.


Dal porto guardando verso la città 




e su questi bianchi sassi una foto non me la sono fatta scappare ../nature.
(che pensi Carletta...) 


Percorrendo il breve tragitto verso il RockIsland, proprio sulla punta Vi è istallata una splendida scultura ; LA SPOSA DEL MARINAIO 
Se volete conoscerne di più. cliccate qui sotto




... ma a settembre torna anche il sole, ma la spiaggia è sempre quasi deserta.





dal balcone del nostro Hotel




Nella  prossima puntata, Vi farò vedere una Rimini che forse non conoscete, come non la conosceva la sottoscritta

foto di Carla Colombo


22 settembre 2014

Papaveri, anche se l'estate è finita

Commissionato e come dire di no visto che adoro dipingere papaveri!!!
..e secondo me il risultato è ottimo anche se la foto non rende merito al rosso intenso che sono riuscita a dipingere.




opera . Rosso fuoco per i miei papaveri - dim cm. 60x20 - anno 2014 - n.d. 
tutte le mie opere sul sito 




20 settembre 2014

Mercato dell'antico - Imbersago

Domani 21 settembre, tempo permettendo , sarò presente come di consueto con alcune mie opere presso il Mercato dell'antico ad Imbersago - Vi aspetto per un saluto. ciaoooo



15 settembre 2014

Somasca - San Gerolamo - Rocca dell'Innominato

Altra gita, altre foto : 

SOMASCA 


Somasca è una frazione del comune di Vercurago alle porte di Lecco.
Salendo lungo la via San Girolamo si giunge ai parcheggi dove lasciare la macchina per poter proseguire.
Il percorso inizia con la Basilica dove sono poste le reliquie di San Girolamo.




Proseguendo si trova una piccola chiesetta dedicata alla Madre degli Orfani; qui nel 1537 Girolamo morì.
Il percorso prosegue in mezzo alle case per poi giungere ad uno spiazzo dove si trova l'arco che segna l'inizio del viale delle cappelle, che raccontano la vita del Santo.
Al metà del viale si trova la Scala Santa.



Al termine del percorso si arriva alla località detta "Valletta" dove è presente un'altra chiesetta e la fonte del miracolo, intanto si può ammirare il panorama del lago sottostante 







Volendo si può proseguire fino alla "Rocca dell'Innominato" di manzoniana memoria, dal quale si possono ammirare stupendi panorami sul bacino del lago e sulla Valle di San Martino... e noi ovviamente lo abbiamo fatto .

LA ROCCA DELL'INNOMINATO 

Dal santuario della Valletta si sale alla Rocca dove S. Girolamo aveva sistemato definitivamente il suo orfanotrofio. Attraverso un sentiero a gomiti e a giravolte in mezzo al verde del bosco, si arriva al recinto del castello che la tradizione attribuisce all’Innominato dei Promessi Sposi 
Prima di accedere al Castello, sulla destra è costruito un Oratorio dedicato a S. Ambrogio molto cara ai primi compagni di San Girolamo
Nello spiazzo erboso una  Croce è innalzata a segno di salvezza là dove, alla voce implorante di Lucia rapita, Alessandro Manzoni, devoto di San Girolamo perché alunno dei Somaschi, fa sussurrare: “Dio perdona tante cose per un’opera di misericordia”. 












la discesa è decisamente più facile e meno faticosa 






foto di Carla Colombo

semplice gita per coloro che abitano dalle mie parti e consigliabile soprattutto per il silenzio che si può assorbire ammirando lo splendido panorama che si può ammirare.