I COLORI..."PENSIERI DELLA MIA MENTE" E LE MIE POESIE..."LA MELODIA DEL MIO CUORE"

In questo mio spazio desidero condividere le mie opere pittoriche, le mie poesie, foto, viaggi, ricette, letture...insomma tutto ciò che ho desiderio di condividere con Voi.

4 ottobre 2014

Un po' di dialetto brianzolo


BANDANA è l'autore di questi due piccoli volumi stampati in proprio 
e scritti in dialetto di quella parte della Brianza che da Merate conduce sino al colle.

"Pa, la vaca la maja, la maia"
ovvero 
"Papà, la mucca mangia, la maglia"

..e ringrazio il sig Pietro che in privato mi ha tirato le orecchie per una errata traduzione (ora ho corretto)- 
Ho preso un abbaglio...e si che io sono "dialettale" puro sangue :-) 

scrive l'autore di proverbi e fatti stilati ironicamente, quasi in forma sarcastica, in quel  dialetto brianzolo che mantiene la  "o"  stretta stretta ...a mangiò, a stirò, cosa che invece nel mio dialetto che dista solo due chilometri ha la desinenza "a"...a mangià , a stirà.

stampato in proprio nel giugno 2011

una breve poesia tratta dal volume, secondo me molto significativa (per tanti motivi)

Illusion

Sem  figur smort
dedré ai finester,
sem omen linger
dènt di culzun,
sem parol sutil,
ricord luntòn,
gest dé bagaj,
che specia inutilment.

Dè per lur,
stann i vecc d'està
in paes desert, al sù,
a spià la vita,
dedrè a di fesur,
sperandu che sign mia
illùsion. 
------

Siamo figure smorte
dietro alle finestre,
siamo uomini leggeri
dentro i pantaloni ,
siamo parole sottili,
ricordi lontani,
gesti di ragazzi,
che aspettano inutilmente.

Da soli
stanno i vecchi d'estate
nel paese deserto, al sole,
a spiare la vita,
dietro alle fessure,
sperando che non siano
illusioni.



"Ul paradis di och"
ovvero
Il paradiso delle oche 


tanto sulla cultura popolare
stampato in proprio nel giugno 2012

Ringrazio molto Bandana per questo omaggio e per le dediche, esterno ancora i miei complimenti per l'ottimo piazzamento di PREMIO DI ECCELLENZA durante il CONCORSO DI LIBERETA' - ANNO 2014 per la poesia dialettale del quale mi onoro di curarne la  parte organizzativa, artistica e di giuria.