I COLORI..."PENSIERI DELLA MIA MENTE" E LE MIE POESIE..."LA MELODIA DEL MIO CUORE"

In questo mio spazio desidero condividere le mie opere pittoriche, le mie poesie, foto, viaggi, ricette, letture...insomma tutto ciò che ho desiderio di condividere con Voi.

mostra CARLA COLOMBO

mostra CARLA COLOMBO
Ospite del CENTRO CULTURALE GABRIO CASATI di Muggiò e del ristorante-pizzeria "DA GIANCARLO" di Muggiò, espongo alcune mie opere dal 5 ottobre al 7 novembre 2017 - L'inaugurazione, accompagnata da un dopo cena e da un omaggio artistico, sarà presentata dal presidente dell'associazione Nazzareno Proietto e saranno declamate alcune mie poesie tratte da "La melodia del cuore" dall'attrice artista Giovanna Barnoffi. Vi aspetto per passare una serata in compagnia e senza tanti formalismi.

15 dicembre 2010

Continua il periodo dei regali : La favola del riccio


Non è una favola mia,  ma  un regalo di una bravissima artista pittrice e scultrice GABRIELLA DUMAS di PORTO VIRO - ROVIGO della quale Vi parlo già da oggi  e per 8 pagine, POSTANDO TANTE SUE OPERE, sul blog dedicato agli artisti vari



Vi segnalo che ISCRIVENDOVI FRA I LETTORI FISSI  E LASCIARE UN COMMENTO  ALL' ARTE DI GABRIELLA, potreste essere la prescelta o il prescelto per un REGALO DI UN'OPERA AD OLIO - OPERA UNICA - che la stessa Gabriella assegnerà a Suo indisindacabile giudizio. Che aspettate??? 
----------------

Ed ora veniamo al docle regalo di Gabriella
Mi sono trovata nella mia posta elettronica questa dolce favola a conclusione di una trasmissione di immagini piuttosto impegnativa. Quale migliore ringraziamento?

LA FAVOLA DEL RICCIO

Durante l'era glaciale molti animali morirono per il freddo.
I ricci se ne accorsero e decisero di unirsi in gruppo e aiutarsi. In questo modo si proteggevano, ma le spine di ognuno ferivano i compagni più vicini che davano calore. Perciò decisero di allontanarsi e iniziarono a congelare e a morire.
Così capirono che o accettavano le spine del compagno vicino oppure sparivano dalla terra e morivano in massa. Con saggezza decisero di tornare tutti insieme. In questo modo impararono a convivere con le piccole ferite che un compagno vicino può causare, dato che la cosa più importante era il calore dell'altro.

In questo modo sopravvissero...

Morale della Favola:

Le relazioni migliori non sono quelle con delle persone perfette, ma quelle nelle quali ogni individuo impara a vivere con i difetti degli altri e ad ammirarne le qualità








Grazioso vero?